Cronaca Italia

Trifone Ragone-Teresa Costanza: Rosaria Patrone gelosa di…

Trifone Ragone-Teresa Costanza: Rosaria Patrone gelosa di...

Trifone Ragone

ROMA – Non era a Pordenone, Maria Rosaria Patrone. Ma nonostante questo la fidanzata di Giosuè Ruotolo si ritrova indagata per favoreggiamento. Secondo l’accusa, quindi, Ruotolo sarebbe la persona che ha materialmente ucciso Trifone Ragone e Teresa Costanza la sera del 17 marzo scorso, mentre uscivano dalla palestra. Ma quel duplice omicidio non sarebbe stato progettato nella sola mente di Ruotolo. Avrebbe avuto un ruolo anche la fidanzata, che quel giorno si trovava a centinaia di chilometri di distanza, a Somma Vesuviana.

Perché i due fidanzati ce l’avevano a morte con Ragone, militare e collega di Ruotolo, e con la fidanzata Teresa? Si dice che Ruotolo avesse un’infatuazione omosessuale nei confronti del bel militare pugliese. Forse Maria Rosaria ne era venuta a conoscenza? Forse è nato così il terribile progetto di vendetta?

Secondo l’accusa, la ragazza sarebbe caduta in contraddizione nel corso degli interrogatori cui è stata sottoposta durante una trasferta in Campania del pool di investigatori. La donna è stata sentita più volte, sempre come persona informata dei fatti. Adesso la sua posizione processuale è mutata e dovrà essere accompagnata da un legale, anche se potrebbe avvalersi della facoltà di non rispondere. Da fonti investigative si apprende che l’accusa nei confronti della donna sarebbe stata quella di aver taciuto situazioni di sua conoscenza avvenute nelle immediatezze del delitto. Nel mirino anche le comunicazioni via sms e le chat in internet tra i due fidanzati nelle ore precedenti e seguenti il delitto.

To Top