Blitz quotidiano
powered by aruba

Truffa online, attenzione a mail: “Hai vinto 1 milione euro”

"Hai vinto un milione di euro, inviaci i dati per ricevere il premio". Dietro questa mail mandata da una sedicente assicurazione spagnola si cela una truffa

ROMA – Se ricevete una mail che vi annuncia la vittoria di un milione di euro fate molta attenzione, si tratta di una truffa online. La nuova truffa sfrutta vecchi meccanismi. Una sedicente assicurazione spagnola, Dinero Seguros S.A. Spain o Generales Seguros, chiede ai malcapitati i loro dati personali da comunicare per ricevere il premio. I dati però finiscono nelle mani degli hacker che li usano per il phishing, rubando così gli account di social network, carte di credito e Paypal.

La Polizia di Stato dopo aver ricevuto segnalazioni a Sondrio da parte di alcuni utenti ha lanciato l’allerta per questa truffa online che mina la sicurezza dei cittadini. I malcapitati ricevono una mail che annuncia: “Hai vinto un milione di euro”. La mail è firmata da false compagnie di assicurazioni spagnole come ad esempio ‘Dinero Seguros S.A. Spain’, ‘Generales Seguros’ e ‘Dinero Seguros S.A. Madrid’.

Una falsa firma che vorrebbe “rassicurare” le potenziali vittime in cui si chiede di inviare dati personali e le proprie coordinate bancarie per poter accreditare il ricco premio. Una fortuna che però si rivela solo una truffa: invece di arricchirsi a costo zero ci si ritrova con il conto bancario svuotato e gli hacker possono impossessarsi di account personali, dalla posta elettronica e i social network come Facebook, a dati più sensibili con gli accessi a siti di e-commerce, carte di credito e account Paypal.

Il fenomeno è ormai largamente diffuso: in molti, per fortuna, non ci cascano ma non mancano coloro i quali sono stati raggirati. I truffatori hanno commesso un grave errore: tra i destinatari casuali delle e-mail truffaldine c’era anche l’Associazione Nazionale Polizia di Stato di Sondrio, che ha fatto luce sull’accaduto. La polizia postale consiglia di segnalare immediatamente le e-mail sospette e anche di mettersi in contatto con i propri istituti di credito per accertarsi che non vi sia stato alcun movimento sospetto sul conto corrente.