Blitz quotidiano
powered by aruba

Udine, blitz nel centro estetico: denunciate due rom

UDINE – Con la scusa di chiedere informazioni sui trattamenti svuotavano la cassa del centro estetico e scappavano: due donne di etnia rom sono state denunciate a Codroipo, provincia di Udine. Ne parla Il Gazzettino:

I carabinieri della stazione di Codroipo hanno denunciato domenica 10 aprile, per l’ipotesi di per furto aggravato in concorso, due donne di etnia rom, Daniela Braidic, 24 anni, e Sofia Lovacovic, 23 anni, residenti a Mortegliano, nullafacenti, pregiudicate. Secondo i militari dell’Arma, le due giovani, lo scorso mese di gennaio, avrebbero messo a segno un colpo nel salone beauty “Nicla Aesthetica” di Gradisca di Sedegliano dove, dopo aver distratto la cassiera, avrebbero rubato 400 euro in contanti dal registratore di cassa del centro di bellezza. L’estetista le ha riconosciute dalle foto pubblicate dagli organi di stampa, che le ritraevano per analoghe vicende, con un appello dei carabinieri ai commercianti derubati o truffati a farsi avanti. Chi le riconosce (in foto) deve chiamare i carabinieri.

Le donne hanno messo a punto diversi colpi, visto che Il Gazzettino aveva già parlato delle rom (tre donne in tutto) prima della loro denuncia:

Le tre entravano disinvolte e ben vestite nel centro estetico preso di mira; agivano in coppia e adottavano un copione ormai “rodato” per distrarre la titolare, puntando al contenuto della cassa o al portafoglio delle borse lasciate sul banco. Inscenavano il trucco del “regalo all’amica”, chiedevano informazioni e fingevano di attendere la loro amica, la complice, che le avrebbe raggiunte di lì a breve, salvo poi allontanarsi dal negozio subito dopo essersi impossessate dei soldi prelevati con destrezza. In entrambi gli episodi le 3 donne, alternandosi tra loro nell’esecuzione materiale dei colpi, dopo aver rubato quasi 300 euro dalla cassa in un’occasione e 20 euro in contanti dal portafoglio di una dipendente nel secondo colpo, hanno dissimulato la fuga a piedi fingendo di raggiungere l’amica destinataria dell’ipotetico regalo e facendo perdere ogni loro traccia. Le indagini dei carabinieri hanno però consentito la localizzazione e identificazione: le tre, provenienti dalla provincia di Udine, hanno tutte anche altre denunce. I militari dell’Arma di Monfalcone e di Gradisca d’Isonzo sono riusciti a ricostruire le modalità dei colpi, anche grazie alla tempestività delle vittime nel segnalare l’accaduto, a a risalire al luogo in cui le ladre si erano rifugiate.


TAG: ,