Blitz quotidiano
powered by aruba

Udine: infermiere 118 soccorre feriti, trova la figlia morta

Tra i soccorritori arrivati in ambulanza il caso ha voluto che ci fosse il papà della giovanissima vittima dello schianto

UDINE – Un incidente mortale, tra le vie della provincia di Udine. E una storia straziante: tra i soccorritori arrivati in ambulanza il caso ha voluto che ci fosse il papà della giovanissima vittima dello schianto. Ne parla Il Gazzettino:

Grave incidente stradale nella notte. Erano circa le 23 di sabato quando un ragazzo di Comeglians, N.S., 20 anni da poco compiuti, mentre era al volante della sua Grande Punto, ha perso il controllo del mezzo su cui viaggiava con due ragazze nel territorio del comune di Cercivento sulla sr 463, mentre viaggiava verso Ravascletto.

Pare che il giovane abbia sbandato per evitare un animale selvatico. La macchina è finita contro un angolo del marciapiede e si è ribaltata. Nello schianto è rimasta uccisa, per le gravissime ferite riportate, una ragazza di 16 anni di Sutrio, Milena Pascoli, inutilmente soccorsa dall’equipe medica. Tra i soccorritori anche il padre infermiere.

Si tratta di Elio Pascoli, il padre di Milena, molto conosciuto in Carni anche in qualità di allenatore di squadre di calcio. Illeso il conducente e un’altra ragazza di Sutrio che viaggiava con loro, A.D.R., 17 anni. Sul posto per i rilievi la stradale e i carabinieri. Sono intervenuti i pompieri. La salma della ragazza, ottenuto il nulla osta della Procura di Udine, è stata composta nella cella mortuaria dell’ospedale di Tolmezzo. La Carnia è in lutto.


TAG: