Blitz quotidiano
powered by aruba

Vaccino, genitori separati in disaccordo: giudice ordina profilassi per la figlia

PADOVA – Genitori separati in disaccordo sulla vaccinazione della figlia: il giudice ordina di farla. E’ la sentenza emessa dal tribunale di Padova, a cui si è rivolta una coppia divorziata che non riusciva a trovare un accordo sull’ipotesi di sottoporre o meno la figlia adolescente alla vaccinazione contro il papilloma virus (HPV), un virus che si trasmette per via e che è ritenuto responsabile in molti casi di tumori all’apparato genitale femminile.

Come spiega Claudio Del Frate sul Corriere della Sera, il giudice ha stabilito che il diritto che deve prevalere è quello della tutela della salute del minore. Per questo motivo  il tribunale di Padova ha emesso una sentenza destinata a costituire un precedente, soprattutto in una situazione, come quella italiana, in cui il tema delle vaccinazioni è sempre più dibattuto, con un numero crescente di genitori che scelgono di non sottoporre i propri figli a queste profilassi.

Spiega il Corriere della Sera:

I medici, dal canto loro hanno lanciato un allarme contro la disaffezione verso i vaccini paventando il ricomparire di pericolose malattie che erano scomparse da tempo. Illuminanti, in questo senso, sono i dati forniti dal ministero della salute. A fronte di una copertura ottimale della popolazione che deve essere non meno del 90%, contro il morbillo nel 2015 risultava protetto solo l’85,7% degli italiani, con una punta minima del 68,8% della provincia di Bolzano. Nel 2010 la media nazionale era del 90,6 . Contro la poliomielite la percentuale di vaccinati è del 93,4, mentre era al 96,5 dieci anni fa. Segno che un numero crescente di genitori non sottopone più i figli a profilassi ritenute un tempo indispensabili.

Un caso analogo, ricorda Del Frate, era stato portato lo scorso luglio davanti al tribunale di Modena, ma non si era arrivati ad una decisione.


PER SAPERNE DI PIU'