Blitz quotidiano
powered by aruba

Valanga in Val di Vizze, in Alto Adige: due morti e due dispersi

BOLZANO – Incidente fatale in montagna: quattro alpinisti sono stati travolti da un distacco di ghiaccio mentre stavano salendo sul ghiacciaio della Gran Vedretta, a 3.464 metri di quota, in Alto Adige, sabato pomeriggio. Due di loro, Peter Vigl, 44 anni, e Thomas Lun, 41 anni, entrambi di Renon, l’altopiano sopra Bolzano, sono morti, mentre gli altri due risultano tutt’ora dispersi. Sono in corso le ricerche da parte del soccorso alpino di Colle Isarco e quello di Vipiteno.

Partiti nella serata di sabato da Bolzano, i quattro, di cui tre membri del Soccorso alpino di Renon, tre padri di famiglia, si erano diretti verso la Val di Vizze per affrontare la via normale, in genere ghiacciata. Erano nella zona del Gran Pilastro, di cui la Gran Vedretta è la cima più settentrionale, quando la massa di ghiaccio li ha travolti. L’allarme per la valanga è scattato la notte stessa del sabato, intorno alle 23.30, e sono andati sul posto il soccorso alpino di Colle Isarco e quello di Vipiteno.

Ritrovate verso l’alba le salme di due degli escursionisti, Peter Vigl, 44 anni, e Thomas Lun, 41 anni, entrambi di Renon, l’altopiano sopra Bolzano. Alle ricerche intanto si sono aggiunti anche l’Aiut Alpin, con l’elicottero Pelikan 2, che è riuscito ad alzarsi in volo solo con l’arrivo della luce, intorno alle 7 della mattina, e la guardia di finanza. In arrivo anche un elicottero dalla Svizzera, specializzato nella ricezione di segnali dei telefoni cellulari, per cercare tracce dei due dispersi, per i quali il passare delle ore mette sempre più a rischio la loro vita.