Blitz quotidiano
powered by aruba

Vegana contro carnivori: “Van bruciati nei forni crematori”

ROMA – “Riaprire i forni crematori per fare energia rinnovabile con i carnivori”: è la provocazione lanciata da una vegana durante la trasmissione La Gabbia, condotta da Gianluigi Paragone su La7.

Nella puntata di mercoledì 6 aprile il programma ha mandato in onda alcuni servizi registrati da una fiera vegana, affrontando quello che, dopo le accuse e le parole pesanti volate tra il conduttore di Radio 24 Giuseppe Cruciani e diversi attivisti vegani, è diventato un tema sempre più sentito e pronto a creare fiamme e audience.

Così l’inviato de La Gabbia ha messo il microfono davanti ad una donna vegana che prendeva parte a quella fiera, come spiega Claudio Cartaldo sul quotidiano Il Giornale, e ha registrato il suo pensiero:

“Sai perché dovremmo riaprire Dachau? Dobbiamo riaprire proprio i bei forni che ci sono per fare energia rinnovabile umana. Non la cenere che usava il nostro Hitler che la sperecava, umana perché ci sono molti umani marci che non servono a un cazzo”. 

La sfida tra vegani e onnivori va avanti da settimane, e vede coinvolto in particolar modo Giuseppe Cruciani, “La Zanzara” di Radio 24. Tutto era nato con una puntata del programma sulla ipotesi di far diventare anche il coniglio uno degli animali di affezione (come il cane e il gatto) di cui è vietato mangiare la carne.

Così durante una puntata della Zanzara Cruciani aveva mangiato in diretta del coniglio, vantandone il sapore. Alcuni vegani non l’avevano presa bene. Nelle settimane seguenti la querelle è esplosa, con proteste dei vegani nei confronti di Cruciani e lui che dice alla ex del Grande Fratello Daniele Martani, vegana, di suicidarsi. Insomma, toni sempre molto accesi. Mercoledì, durante la puntata della Gabbia, l’ennesima affermazione choc.


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'