Blitz quotidiano
powered by aruba

Venezia, mille smartphone per i dipendenti? Sindaco taglia

VENEZIA – I dipendenti del Comune di Venezia possono contare su mille smartphone a loro disposizione. Oltre ai telefoni fissi e ai computer i tremila dipendenti comunali hanno, ancora per poco, accesso a mille smartphone. Un benefit che il Comune ora ha deciso di tagliare per ridurre le spese generali, dato che il costo della telefonia è di 1 milione di euro l’anno.

Elisio Trevisan su Il Gazzettino scrive che al Comune di Venezia c’è uno smartphone ogni 3 persone per un costo totale decisamente elevato. Dato che per l’amministrazione comunale non è possibile recuperare i mancati introiti delle migliaia di tessere gratuite del’Actv, il trasporto pubblico, ora il sindaco Luigi Brugnaro ha deciso di tagliare almeno i costi per la telefonia:

“Oltre a telefoni fissi e pc hanno a disposizione ben mille smartphone: 1 ogni 3 persone. Il costo a bilancio per la telefonia è di 1 milione di euro l’anno.  Ci sono gli asri, i 40 top manager dei vari settori, impiegati e tecnici che girano per sopralluoghi e perizie, dipendenti che devono essere reperibili o gli operatori che lavorano sulle tossicodipendenze e prostituzione. Arrivano a mille i componenti di queste categorie.

E se sui 3 milioni e passa di euro di mancati introiti per le migliaia di tessere gratuite dell’Actv non si può far nulla, sui telefoni di servizio e sugli altri costi vivi, invece, si può intervenire e l’Amministrazione Brugnaro ha deciso di farlo. Lo scopo è di ridurre le spese generali, dato che dagli ultimi dati il Comune è tra quelli che negli anni scorsi ha tagliato di meno le spese, fermandosi a un 10,2% contro il -38,7% di Roma”.


PER SAPERNE DI PIU'