Blitz quotidiano
powered by aruba

“Veronica Panarello innocente, copre assassino”. Lo dice…

“Non si può parlare di infanticidio da parte di Veronica Panarello perché non ci sono elementi per sostenerlo”, dice il criminologo

RAGUSA – Veronica Panarello è innocente. Sembra sicuro il professor Francesco Bruno, il criminologo che già giorni fa aveva sostenuto che il piccolo Loris Stival fosse stato vittima di un . A Radio Cusano Campus dice:

“Non si può parlare di infanticidio da parte di Veronica Panarello perché non ci sono elementi per sostenerlo” – queste le sue parole ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci – “Quando una madre commette un figlicidio di questo tipo c’è sempre un motivo molto netto, molto evidente. Qui non c’è. Non possiamo pensare che ad un bambino possa succedere una cosa del genere in modo casuale”. Il criminologo punta il dito sulla presunta incompletezza delle indagini condotte dalla procura di Ragusa, che avrebbe da subito imboccato “una direzione netta senza precisi elementi”. “Veronica Panarello” a detta del professore “è assolutamente innocente per la morte del figlio” e dunque coprirebbe qualcuno: “Che poi possa essere entrata in questa logica difensiva con il fatto che lei stessa possa avere nascosto il corpo del figlio, va valutato con attenzione”.

Bruno aveva parlato di una possibile pista pedofila. “Loris potrebbe essere stato ucciso perché ribellatosi ad un rapporto intimo contro natura”, citando anche alcune lesioni che sarebbero state trovate nelle parti intime del piccolo. Bruno inoltre sposa la tesi del perito Locurto secondo cui in macchina, mentre andava verso il canalone, Veronica Panarello non sarebbe stata sola ma in compagnia di una misteriosa figura maschile. E’ quanto emergerebbe dall’analisi delle immagini agli atti dell’inchiesta attraverso un software realizzato dall’ingegnere Marcello Locurto, esperto informatico, e mostrate a “Mattino Cinque”. Analizzando i frame dei video, nell’autovettura Polo di Veronica Panarello, che sta parcheggiando in retromarcia nel garage, secondo la lettura dell’esperto “ci sarebbe una sagoma sul sedile posteriore, lato opposto conducente”. Inoltre, ritiene di potere notare “nel passaggio alla rotonda di fronte al supermercato Despar alla guida della Polo una figura con corporatura robusta, non riconducibile a Veronica Panarello”.

Immagine 1 di 7
  • Loris Stival, a? "Veronica Panarello non era sola"
Immagine 1 di 7