Blitz quotidiano
powered by aruba

Veronica Panarello, David Stival conosceva il suo segreto?

ROMA – Veronica Panarello e la storia segreta con il suocero Andrea Stival: David, il marito di Veronica, aveva intuito? Se lo chiede Urban Post alla luce delle ultime dichiarazioni della Panarello, in carcere con l’accusa di essere l’assassina di suo figlio Loris:

Secondo quanto riporta il settimanale Giallo, la donna avrebbe infatti raccontato un episodio alquanto singolare avvenuto dopo l’omicidio del bambino che, come tutti gli altri riferiti, è ora al vaglio degli inquirenti che stanno cercando di vederci chiaro, in cerca di riscontri oggettivi che fughino o confermino la sua nuova versione dei fatti sulla mattina del delitto. Secondo Veronica, appunto, Andrea Stival suggerì al figlio Davide di farsi raccontare direttamente da lei un segreto inconfessabile (la loro relazione ndr) che avrebbe custodito. L’accusata, interpellata in merito dal marito, avrebbe taciuto perché ancora sotto shock per la morte del figlio, decidendo dunque di non rivelare al marito che lei e suo padre erano amanti. Anche questo episodio, come gli altri riferiti dalla Panarello, se realmente accaduto, potrà essere verificato attraverso la testimonianza dello stesso Davide Stival. Il padre di Loris aveva intuito qualcosa? Si accorse che la moglie nascondeva un segreto?

Nei giorni scorsi si era detto che Giallo avrebbe pubblicato appunto dei “dettagli intimi”. Ora il sito Sostenitori delle Forze dell’Ordine ha messo nero su bianco quanto pubblicato dal settimanale specializzato in cronaca nera:

“In estate mio suocero ha fatto una visita dall’urologo e voleva che fossi io ad accompagnarlo. Nei giorni seguenti mi disse che, invece, a seguito del mio rifiuto, era stato un amico ad accompagnarlo e che durante la visita l’urologo aveva preso una sondina e aveva esplorato il suo organo genitale che poi ebbe a mostrarmi perché arrossato. Mi disse che era andato dall’urologo perché faceva fatica ad urinare. Non ricordo altri particolari circa le sue zone intime. Riferì i contenuti della visita anche a mio marito senza entrare nei particolari, così come aveva fatto con me”.

Come spiega il Giornale di Sicilia:

“Gli investigatori hanno spulciato i tabulati telefonici dell’epoca, facendo rilevare, durante l’ultimo interrogatorio nei confronti dell’indagato, quei contatti frequenti. Ma la difesa di Andrea Stival ha fornito una giustificazione immediata”. “Le telefonate tra Andrea Stival e Veronica Panarlelo, la mamma del piccolo Loris, sarebbero tutte avvenute di giorno” spiega l’avvocato di Andrea Stival al Giornale di Sicilia. E le telefonate, spiega ancora il legale, “avrebbero avuto un picco solo quando l’uomo era rimasto da solo a casa, perché la figlia era andata a vivere con il fidanzato, nel maggio del 2014″.

Immagine 1 di 24
  • Andrea Stival: "Veronica Panarello mi accusa per vendetta"
  • Il piccolo Loris
  • Secondo l'accusa questa è la sagoma di Loris
  • Un articolo di Giallo
  • Un articolo del Messaggero
  • Andrea Loris Stival, papà Davide sarà assunto dal Comune di Vittoria
Immagine 1 di 24