Blitz quotidiano
powered by aruba

Vincenzo Paduano, settimana di silenzio. Ma Sara temeva…

ROMA – Vincenzo Paduano non si è fatto sentire con Sara Di Pietrantonio una settimana prima dell’omicidio. Dopo un mese di stalking, quel silenzio poteva sembrare una tregua. Eppure, racconta chi la conosce, Sara aveva brutti presentimenti.

Scrive Paola Vuolo sul Messaggero:

«Vincenzo prima o poi mi farà un dispetto, qualcosa di brutto, sospetto che mi segua dappertutto». Sara negli ultimi giorni si sentiva in pericolo, aveva anche capito che l’ex fidanzato la spiava, ed evitava di farsi vedere nel quartiere insieme ad Alessandro, il suo nuovo amore.

Le amiche raccontano che era diventato ossessivo e le inviava sms minacciosi. Ma Sara non voleva far preoccupare nessuno, nemmeno alla madre che considerava Vincenzo «come un figlio», aveva raccontato che lui la perseguitava.

Ora bisognerà cercare le prove di tutto questo nel cellulare di Sara, che è stato ritrovato:

Da una settimana stranamente non si faceva più sentire dalla ragazza, aveva smesso con i messaggi e aveva anche cancellato gli sms intimidatori dal suo cellulare. Una mossa, secondo gli investigatori, per eliminare una prova dei sentimenti odiosi che ormai provava per la sua ex. Da sabato scorso il cellulare di Sara era scomparso, ieri è stato ritrovato nel parcheggio dove la ragazza è morta da alcuni operatori dell’Ama, il cellulare verrà esaminato dagli esperti, è possibile che la giovane non abbia cancellato tutti i messaggi dell’ex, gli inquirenti sospettano anche che il vigilante utilizzasse l’applicazione Trova il mio Iphone, che gli consentiva di sapere sempre dove si trovava la ragazza.

Aggiungono Maria Corbi e Antonio Pitoni su La Stampa:

Una settimana di silenzio apparente. Certo Vincenzo non la chiamava, ma lei sapeva che le stava sempre alle costole, che la controllava, che si sarebbe presentato a implorare perdono e un’altra occasione. E quegli sms che ogni tanto arrivavano e che le mettevano ansia. «Ma Sara questa volta era decisa», dice una zia. «A noi quel ragazzo faceva anche pena».

Addirittura, raccontano i due giornalisti, lei aveva cambiato abitudini pur di non incontrarlo o incontrare qualcuno che lo conosceva:

Cercava di non incontrarlo in posti dove potevano esserci amici di Vincenzo. Evitava il bar Palombini all’Eur preferiva ascoltare con Alessandro la musica in auto davanti casa. Anche quella sera dopo essere andata al pub con la sua amica del cuore, Flaminia, era andata da Alessandro. Vincenzo la ha seguita, ha visto che si baciavano e non ci ha visto più.

Immagine 1 di 19
  • Sara Di Pietrantonio, Paduano violento ma lei non denunciò
  • Sara Di Pietrantonio chiede aiuto, non si fermano: arsa viva
  • Sara Di Pietrantonio "viva se si fosse fermato qualcuno" (nella foto Ansa, Sara con Vincenzo Paduano)
  • Sara Di Pietrantonio, strangolata e bruciata o...Le ipotesi (foto Ansa)
Immagine 1 di 19