Blitz quotidiano
powered by aruba

Viterbo, cecchino alla finestra spara su casa di riposo e…

VITERBO – Si è appostato col fucile alla finestra come un vero cecchino e ha iniziato a sparare contro la vicina casa di riposo. Accade a Viterbo, in manette è finito un uomo di 64 anni originario di Roma. Ad allertare gli uomini della squadra mobile sono stati i vicini che hanno udito diversi colpi d’arma da fuoco nei pressi della casa di cura.

Dopo aver verificato l’effettiva veridicità delle segnalazioni, gli agenti sono intervenuti sul posto per un sopralluogo e qui hanno trovato diversi piombini sulla parete della struttura e nel giardino antistante. Le munizioni erano state probabilmente sparate con un’arma ad aria compressa all’indirizzo della residenza per anziani, fortunatamente senza centrare alcun obiettivo.

Grazie a un attento esame balistico i poliziotti sono quindi risaliti al responsabile: il posizionamento e la direzione puntavano ad un’abitazione adiacente alla casa di riposo. Di qui l’irruzione in casa dell’uomo e la perquisizione. Al suo interno il 64enne disponeva di un vero e proprio arsenale: sei fucili muniti di ottica di precisione e puntamento laser e due pistole ad aria compressa, oltre a un ingente quantitativo di munizioni.

Alla finestra l’uomo aveva allestito la sua personale postazione da tiratore scelto e sparava a caso sull’obiettivo. L’uomo è stato denunciato per tentate lesioni personali aggravate e le armi sottoposte a sequestro. Fortunatamente non ci sono feriti.