Cronaca Italia

Whatsapp, bufala allarme terrorismo, parla l’autrice: “L’ho fatto per…”

Whatsapp, bufala allarme terrorismo, parla l'autrice: "L'ho fatto per..."

Whatsapp, bufala allarme terrorismo, parla l’autrice: “L’ho fatto per…”

UDINE – Bufala allarme terrorismo su Whatsapp, parla l’autrice: “L’ho fatto per leggerezza”, dice al Messaggero Veneto la donna, una quarantatreenne di Udine, che si è costituita.

La donna, spiega Christian Seu sul quotidiano veneto, si è presentata spontaneamente in questura mercoledì 4 gennaio.

È una donna di 43 anni, di Udine. In una nota la Questura, nel ricordare le conseguenze anche penali che tali attività possono comportare, ribadisce che il livello di attenzione delle forze di polizia è attualmente massimo.

La donna è stata interrogata e il suo profilo Whtatsapp è stato passato al setaccio dalla polizia, che ha anche perquisito la sua casa, dove ha sequestrato computer e telefono cellulare della signora, adesso indagata per procurato allarme.

 

In una nota la Questura ha invitato i cittadini a

“rivolgersi alla Questura o alle altre Forze dell’Ordine nel caso in cui vengano a conoscenza di informazioni che, anche a loro parere, possono costituire elemento interessante per l’attività di Polizia”.

 

Intanto le forze dell’ordine hanno esplicitamente chiesto di non diffondere ulteriormente il messaggio audio, per evitare di diffondere informazioni allarmistiche in un contesto già delicato, dopo gli ultimi attentati di Berlino e Istanbul.

IL MESSAGGIO AUDIO – “Ragazzi, vi do una notizia che dovete prendere in base a quello che ritenete, senza creare panico”: inizia così il messaggio audio inoltrato dalla donna nella serata di martedì a migliaia di persone. L’autrice parla di un presunto avviso del Viminale rispetto a un’allerta attentati nel Nordest e in particolare “nei maggiori centri di aggregazione” come i “centri commerciali”. A riguardo, però, polizia e carabinieri hanno smentito qualunque reale allarme.

 

 

 

 

To Top