Blitz quotidiano
powered by aruba

Afghanistan. Capo Cicr, ”Pericoloso dimenticare guerra”

RUSSIA, MOSCA – La situazione in Afghanistan diventa sempre più allarmante ma la comunità internazionale ed i media sembrano aver ridotto la loro attenzione, e “questo è molto pericoloso”. Lo ha dichiarato il responsabile del Comitato Internazionale della Croce Rossa (Cicr) a Kabul, Jean-Nicolas Marti.

Impegnato in un giro delle capitali europee e negli Usa, il responsabile uscente del Cicr ha detto all’agenzia russa Sputnik che “il quadro generale si sta deteriorando. Si tratta di un continuo incremento della violenza che interessa le città, gli agglomerati urbani, e che sta generando molte necessità sul piano dei rifornimenti medici e dell’evacuazione e protezione della popolazione civile”.

“Prevedo – ha ancora detto Marti – che quest’anno le cose peggioreranno poiché non si vede all’orizzonte una fine del conflitto. In questo ambito è necessario che a livello internazionale le nazioni si uniscano per cooperare nel reperimento di una soluzione alla crisi, mentre i media non debbono ridurre l’attenzione, come stanno facendo ora, sulla gravità della tragedia”.