Blitz quotidiano
powered by aruba

Tunisia. Verso governo unità nazionale dopo sfiducia a Essid

habibTUNISIA, TUNISI – Inizieranno lunedì le consultazioni del capo dello Stato, Beji Caid Essebsi per la nomina di un premier incaricato a formare la futura squadra di governo. L’art. 89 della Costituzione tunisina gli concede dieci giorni di tempo.

Nel frattempo il governo di Habib Essid sfiduciato sabato in aula (con 118 voti contrari e solo 3 a favore) gestirà solamente gli affari urgenti in attesa dell’insediamento della nuova squadra che sarà, secondo il volere del presidente della Repubblica, che nel giugno scorso ha lanciato personalmente l’iniziativa, un governo di unità nazionale per essere in grado di accelerare le riforme, affrontare la grave crisi economica, la disoccupazione, e l’allarme sicurezza in Tunisia, Paese pesantemente colpito dal terrorismo islamico.

Il governo Essid è rimasto in carica dal gennaio 2015 a sabato con un rimpasto nel gennaio 2016, effettuato per rendere più efficace l’azione del governo, mossa che evidentemente non ha avuto successo.

Già a giugno infatti i leader dei quattro partiti della coalizione (Nidaa Tounes, Ennhadha, Union Patriotique Libre e Afek Tounes) avevano annunciato la loro intenzione di sfiduciare il premier. Sarà interessante vedere come verrà ripartito il numero dei ministeri ai singoli partiti nel nuovo governo: l’islamico Ennhadha, ad esempio, primo attualmente in quanto numero di deputati in parlamento, seppur seconda forza politica del Paese, ha già fatto sapere che pretenderà una distribuzione dei posti nel governo secondo la propria rappresentanza in aula.