Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit. Nissan forse ferma produzione suv Juke in Gran Bretagna

GIAPPONE, TOKYO – Nissan potrebbe decidere di fermare la produzione del suv Juke in Gran Bretagna a seguito della Brexit, a meno che il governo di Londra non trovi soluzioni per compensare gli eventuali effetti sui dazi doganali.

Lo ha detto – come riferisce Automotive News Europe – il CEO di Nissan Carlos Ghosn, nell’ambito degli incontri che si sono svolti al Salone di Parigi, spiegando che l’azienda potrebbe chiedere al governo britannico una compensazione per realizzare nuovi investimenti o portare

termine quelli programmati se l’attuazione della Brexit dovesse comportare il pagamento di dazi doganali dalla Gran Bretagna alla Ue.

Sull’argomento è intervenuto a Parigi anche Trevor Mann, chief performance officer di Nissan. Come riferisce Automotive News Europe, Mann ha confermato, in tema di Brexit, che Nissan tiene sotto controllo e modifica continuamente i propri investimenti per ”aggiungere valore agli azionisti con interventi che sono sempre basati su quello che sappiamo”.

Riferendosi alla fase attuativa dell’uscita della Gran Bretagna dalla Ue, Mann ha commentato di ”non sapere nulla al momento attuale” escludendo anche quindi di poter garantire che la produzione di Juke possa continuare nello stabilimento Nissan a Sunderland. Mann, scrive infine Automotive News Europe, ha anche precisato che l’eventuale decisione sulla localizzazione della produzione Juke – la cui seconda generazione verrà lanciata nel 2020 e per la quale sono già stati decisi programmi e investimenti – non potrà dunque essere presa fino al momento in cui verrà fatta chiarezza sui futuri rapporti tra Gb e Ue.