Blitz quotidiano
powered by aruba

India. Scalo New Delhi, fine allarme attentato per fuga materiale radioattivo

INDIA, NEW DELHI – Allarme rientrato all’aeroporto internazionale Indira Gandhi di Delhi, parzialmente chiuso per una perdita di materiale radioattivo. Gli esperti dell’agenzia nucleare hanno accertato che la perdita derivava da farmaci anti-cancro provenienti da un Volo Air France.

Secondo gli esperti il pacchetto dal quale era avvenuta la perdita, conteneva una sostanza radioattiva a bassa intensità che non rappresenta dunque un pericolo. L’autorità nazionale per la gestione dei disastri ha quindi dato il via libera alla riapertura del terminal.

L’allarme era scattato intorno alle 11 locali quando si è diffusa la notizia di una fuga di materiale radioattivo da una partita destinata alla unità radiologica di un ospedale della capitale. Questo ha determinato la sospensione dei voli e l’attivazione delle procedure riguardanti le catastrofi, con l’arrivo di personale specializzato nella gestione dei disastri, dei vigili del fuoco e dell’Ente di controllo dell’energia atomica(Aerb).

Ma i primi controlli hanno permesso di verificare che l’emergenza radioattiva era stata attivata nonostante la fuga di isotopi di molibdeno 99 fosse al di sotto di quanto previsto dalle norme di sicurezza sulle radiazioni nucleari. Il tutto è stato chiarito dal magistrato Abhishek Singh, incaricato della crisi, secondo cui “è stato diffuso un messaggio di emergenza radiologica inavvertitamente sbagliato”.

Si trattava “di medicina nucleare a base di molibdeno 99 destinato all’ospedale B.L.Kapoor. La quantità di radiazioni emesse è sotto 1 mill rongen. Non ci sono radiazioni beta nell’area circostante e non c’è alcuna fuga. L’emergenza è stata revocata alle 13:55″ permettendo la ripresa dei voli.