Blitz quotidiano
powered by aruba

Aereo Supersonico presto di nuovo in volo: torna il Concorde

NEW YORK – Aereo supersonico presto in volo, torna il Concorde. La Nasa ha rivelato i piani per un nuovo aereo supersonico. L’agenzia spaziale ha fatto rinascere il suo progetto ‘X-Plane’ con un nuovo design del jet supersonico, sperando che possa un giorno prendere il posto dei jet per passeggeri.

Il Concorde volò la prima volta nel 1969, iniziò il servizio regolare sulle rotte Londra-New Yok e Parigi-New York nel 1976 e continuò a volare per 27 anni, quando il prezzo del carburante fece sì che il biglietto, pari al doppio di quello di prima classe, 8 volte il normale biglietto di turistica sugli altri voli a più classi, non fosse più in grado di coprire le spese, Ci si misero anche un incidente e prblemi di manutenzione e ne fu decretata la fine. Viaggiando a velocità supersonica, il Concorde impiegava 3 ore e mezzo a attraversare l’Atlantico: partivi da Parigi alle 11 del mattino e arrivavi a New York alle 8,30, guadagnando una giornata della tua vita.

Se però non vivevi a Londra, Parigi o dintorni rischiavi di perdere un giorno in più se mancavi la coincidenza. Il progetto per il nuovo Concorde è il primo di una serie di X-planes nell’iniziativa Nasa, Nuovi Orizzonti d’Aviazione, introdotto nel bilancio dell’anno fiscale 2017 dall’agenzia, ha rivelato l’amministratore Charles Bolden. L’agenzia ha detto che il ritorno di viaggi supersonici per passeggeri è un passo più vicino alla realtà, con l’aggiudicazione di un premio per la progettazione preliminare di un velivolo.

Bolden ha annunciato: “La NASA sta lavorando duramente per rendere più ecologico il volo, più sicuro e più tranquillo – il tutto mentre si sviluppa un velivolo che viaggia più velocemente, e la costruzione di un sistema di trasporto aereo che opera in modo più efficiente. A tal fine, vale la pena notare che sono passati quasi 70 anni da quando Chuck Yeager ha rotto la barriera del suono in Bell X-1 come parte della ricerca sull’alta velocità dell’agenzia che ci ha preceduti”.

NASA ha selezionato un team guidato da Lockheed Martin di Palmdale, in California, per completare un progetto preliminare per la tecnologia Quite Supersonic Technology (QueSST). Dopo aver condotto studi di fattibilità e per capire meglio i livelli sonori accettabili in tutto il paese, la NASA ha chiesto alle squadre del settore di presentare concetti di design per un velivolo di prova pilotato, in grado di volare a velocità supersoniche, creando un supersonico ‘battito’ – un morbido tonfo piuttosto che il boom dirompente attualmente associato ai voli supersonico.

‘Sviluppare, costruire e testare un X-Plane è il passo logico successivo nel nostro percorso, per consentire la decisione del settore ad aprire i viaggi supersonici al pubblico che viaggia’, ha detto Jaiwon Shin, amministratore associato della Nasa per le missioni di sviluppo aeronautico. Lockheed Martin riceverà circa 20 milioni di $ per di 17 mesi per il design del QueSST. Il team di Lockheed Martin comprende subappaltatori GE Aviation di Cincinnati e Tri Models Inc. di Huntington Beach, California. Le performance di questo deisgn preliminare dovranno anche passare la “wind tunnel validation”. Oltre alla costruzione e al design, questa fase dimostrativa del progetto a ‘basso boom’ includerà anche la convalida di risposta della comunità al nuovo design supersonico più silenzioso. L’iniziativa per i 10 anni della nasa del ‘New Aviation Horizons’ ha l’ambizioso obiettivo di ridurre l’uso di carburante, emissioni e rumore attraverso innovazioni di design del veivolo, che partiranno dalla convenzionale forma a tubo con le ali.

Il disegno e la costruzione impiegheranno diversi anni e gli aeromobili inizieranno la loro campagna di volo intorno al 2020, a seconda del finanziamento. I dettagli del piano di Nasa per ottenere questo obiettivo sono illustrati nel bilancio federale recentemente pubblicato del Presidente Obama per il 2016. Se il finanziamento sarà approvato, i primi voli del nuovo X-aerei potrebbero iniziare intorno al 2020. ‘Siamo nel posto giusto, al momento giusto, con le giuste tecnologie’, ha detto Jaiwon Shin, amministratore associato per Mission Directorate la ricerca aeronautica della NASA. ‘Il pieno potenziale di queste tecnologie non può essere realizzato in forma di tubo-e-ala come gli aerei di oggi’, ha spiegato.

‘Abbiamo bisogno degli X-planes per dimostrare, in modo innegabile, come tale tecnologia possa rendere l’aviazione più ecologica, ridurre i ritardi e mantenere la sicurezza per chi vola, e sostenere un settore che è fondamentale per la vitalità economica della nostra nazione.’ Uno dei primi X-planes dovrebbe essere un ibrido a forma di ala, dove il tubo-e-ala familiare diventa invece un’ala che si fonde con il corpo. Si volerà alla stessa velocità degli aerei da trasporto commerciale. I motori sono sulla cima di una fusoliera che sarà di per sé una rivoluzione,a causa della forma, ed è ciò che è necessario per per resistere alle sollecitazioni del volo. Negli ultimi dieci anni, la NASA e i partner hanno studiato le prestazioni ei vantaggi della configurazione corpo ala ibrido utilizzando i computer, gallerie del vento con prove di volo senza pilota.

Altri X- planes dimostreranno tecnologie specifiche legate agli ultra-efficienti modelli di aerei subsonici in volo – possibilità di includere ali molto strette ma lunghe, forme di propulsione elettrica, una fusoliera a doppia larghezza, o motori incorporati nel veicolo. Il piano di 10 anni comprende anche importanti test sul campo in collaborazione con le compagnie aeree, gli aeroporti e la Federal Aviation Administration per continuare a migliorare il flusso del traffico aereo in volo ea terra negli aeroporti. ‘Questo è un momento emozionante per tutto il team Nasa Aeronautico e per coloro che beneficiano dell’ aviazione, che, francamente, è di tutti’, ha detto Shin. ‘Con questo piano di 10 anni per accelerare la trasformazione del trasporto aereo, gli Stati membri possono mantenere il loro status di leader mondiale nel settore dell’aviazione per molti anni a venire.’


TAG: