Blitz quotidiano
powered by aruba

Afghanistan. Aspri scontri tra forze di sicurezza e Talebani a Kunduz city

AFGHANISTAN, KABUL – Aspri combattimenti sono in corso anche martedi a Kunduz City, il capoluogo della omonima provincia settentrionale afghana, fra commando Talebani che cercano di impadronirsi della città e reparti delle forze di sicurezza impegnati a respingerli. L’offensiva dei militanti dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan è cominciata lunedi e, secondo fonti locali, ad essa partecipano guerriglieri provenienti da tre province vicine.

Nello slancio iniziale i commando Talebani erano riusciti a conquistare numerosi edifici strategici e la piazza centrale, che però sarebbe successivamente stata ripresa dai soldati governativi. Notizie contraddittorie sull’intensità degli scontri si incrociano, ma cercando di fornire il polso della situazione il portavoce del ministero della Difesa, Dawlat Waziri, ha sostenuto che in essi “sono stati uccisi molti talebani, tre soldati afghani sono morti e sette hanno riportato ferite”.

Lo stesso Waziri ha spiegato che “le forze di sicurezza sono costrette ad avanzare con una certa lentezza nella loro controffensiva, e senza usare armi pesanti, per non colpire la popolazione civile”. I nostri uomini, ha proseguito, “hanno cominciato una caccia agli insorti casa per casa e almeno due settori dell’abitato sono già stati messi in sicurezza”.