Blitz quotidiano
powered by aruba

Anders Breivik: mega tv, palestra, playstation, per lui è…

OSLO – Anders Breivik, che uccise 77 ragazzi a Oslo nel 2011, che ha salutato giudici e pubblico al suo processo col braccio teso in avanti come i nazisti e chiede i danni allo Stato della Norvegia per detenzione disumana, vive in una prigione in cui dispone di un gigantesco schermo televisivo, una PlayStation e persino l’ uso della sua palestra. 

L’assassino racconta la sua vita dietro le sbarre come una “tortura”, e parla di condizioni “crudeli” e “disumane”. L’estremista della destra neonazista sta scontando 21 anni di carcere, il massimo della pena in Norvegia, per il massacro di 77 giovani innocenti.

Senza nessun pensiero per le sue vittime, Breivik sostiene di essere “vittima di un trattamento” crudele e disumano nel carcere di Skien, 87 miglia a sud-ovest di Oslo, dove ha un intero blocco di celle tutto per sé. L’ampio blocco ha stanze per scrivere lettere, dormire e fare esercizio fisico.

Brivik può muoversi liberamente e gli è consentito di camminare nel cortile a suo piacimento. L’assassino può anche fare la sua propria lavanderia e cuocere il proprio cibo come vuole. Le fotografie scattate all’interno del confortevole carcere mostrano camere ben curate e pulite, più che sufficienti per un killer che molti sostengono non dovrebbe mai essere rilasciato. Sono dotate di televisori a schermo piatto e bagni moderni, e grandi finestre inondano le camere di luce.

L’anno scorso, però, gli agenti di polizia penitenziaria a Skien si sono lamentati del fatto che Breivik fosse un prigioniero troppo impegnativo. Ole Martin Aanensen, dal carcere norvegese, ha detto al FriFagbevegelse: “Sia il personale che i detenuti vivono in tensione. Anders Breivik ottiene sempre la priorità. Tutto il resto viene spinto verso il basso dell’elenco. Ci rende vulnerabili”.

Breivik, 37 anni, ha ucciso otto persone con una bomba-furgone a Oslo, il 22 luglio 2011. Si è poi vestito come un ufficiale di polizia e ucciso 69 membri della Lega giovanile operaia (AUF) in un campo estivo sull’isola di Utøya. Altre 319 sono rimaste ferite nell’attacco.

Il killer era nella prigione di Ila fino al 2013, dove aveva accesso a una camera da letto con televisione e dvd, un “salotto” con un computer e un terza stanza dove poteva allenarsi da solo.

Quando è giunto nel suo primo giorno di udienza, si è lamentato circa le condizioni che vive quotidianamente in prigione e ha poi alzato il suo braccio destro in un saluto nazista. Quest’ultimo gesto ha provato che voleva, sotto ai riflettori, gettare altro sale sulle ferite delle famiglie delle vittime.

Ora sta portando avanti una causa contro lo Stato norvegese per le sue condizioni di detenzione; sostiene che il regime è degradante e rappresenta una violazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Breivik ha fatto un saluto nazista dopo aver rimosso le manette, facendo il gesto offensivo senza parlare. Si è ritenuto troppo pericoloso sentire il caso in un tribunale di Oslo, e si è tenuto invece all’interno della palestra del carcere Skien, trasformato in un tribunale per un giorno.

“E’ patetico. E ‘una farsa”, ha detto Lisbeth Royneland, la cui figlia 18enne Synne è stata ucciso nella strage di Breivik. Viljar Hanssen, che è stato colpito quattro volte, ha tweettato: “Breivik ha ottenuto quello che voleva. E’ adorato nei circoli di estrema destra e può diffondere odio dalla sua cella”. L’apparizione dell’assassino è la prima dopo il suo arresto.

“Non c’è un limite di tempo per quanto a lungo sarà incarcerato in questa prigione di massima sicurezza”, ha riferito una guardia carceraria. L’avvocato di Breivik ha riferito che il suo cliente ha avuto contatti solo con personale dello staff, i suoi avvocati e la madre, finché quest’ultima era in vita.

Immagine 1 di 2
  • Anders Breivik: mega tv, palestra, playstation, per lui è... 2
Immagine 1 di 2

 

Immagine 1 di 3
  • YOUTUBE Anders Breivik fa saluto nazista al processo FOTO3
  • Anders Breivik fa saluto nazista al processo (foto Ansa)
Immagine 1 di 3