Cronaca Mondo

Arabia Saudita, due trans torturati e uccisi dalla polizia

Arabia Saudita, due trans torturati e uccisi dalla polizia

Arabia Saudita, due trans torturati e uccisi dalla polizia

RIAD, ARABIA SAUDITA – A Riad, due transgender entrambi nativi di Khyber-Pakhtunkhwa, Pakistan, sono morti  dopo essere stati sottoposti a torture da parte della polizia saudita, per aver indossato in pubblico degli abiti femminili.
Trentacinque transgender sono state arrestati dalle forze dell’ordine sempre per aver indossato abiti femminili, nel regno considerato un reato.
Gli arresti sono avvenuti nel corso di una perquisizione di una casa dove si svolgeva una riunione di  “Guru Chela Chalan” di Khuwaja Sara in cui vengono scelti sia il guru (leader) che i Chelas (studenti).
Amna, 35 anni, appartenente all’area di Mingora di Swat, e Meeno, 26 anni, entrambi di Peshawar, sono morti mentre erano in prigione; la polizia li ha chiusi in due sacchi, trascinati in cella e picchiati con i bastoni.
Il colonnello Fawaz bin Jameel alMaiman, portavoce della polizia di Riyadh, ha riferito a un’agenzia di notizie locale che il sito era costantemente sorvegliato: nella casa sono stati sequestrati gioielli e vestiti femminili e hanno arrestato 35 persone.
“La maggioranza degli arrestati è di Khyber-Pakhtunkhwa mentre altri provengono da diverse città del Pakistan. Torturare gli esseri umani dopo averli buttati nei sacchi e pestarli con dei bastoni è inumano “, ha detto Qamar Naseem, un attivista per i diritti transgender.
Undici persone sono state liberate dopo aver pagato una multa di 150.000 riyals, mentre 22 sono ancora in custodia, aggiunge Naseem.
“Per i due torturati, la sofferenza è terminata ma non è così per il resto delle persone che langue nelle carceri saudite. Nessuno si muove per salvare la loro vita, quella di un transgender non ha valore, nemmeno per il nostro governo”, osserva Naseem che sottolinea di essere in attesa di una risposta da parte della Commissione Nazionale per i Diritti Umani.
Parlando all’Express Tribune, Farzana, un transgender, ha dichiarato che se coinvolti in qualsiasi attività illegale, la polizia dovrebbe portarli in tribunale e non riservare loro un trattamento da animali.
“Porre termine alla vita di una persona senza un verdetto del tribunale è illegale”, ha affermato Farzana e al contempo ha sostenuto che il regno non consente a un transgender di compiere l’Hajj o l’Umrah (pellegrinaggi).
“La Kaaba non è di loro proprietà ma di Dio e ogni musulmano ha il diritto di visitarla”.
Nel 2016, i media locali hanno riferito che il console generale saudita a Islamabad, in una notifica rilasciata all’Associazione agenti di viaggio del Pakistan (TAAP), ha avvertito di evitare di concedere visti ai cittadini transgender per il pellegrinaggio Umrah.
La TAAP, da parte sua, ha negato di aver ricevuto istruzioni dal governo saudita affinché non rilasciasse visti a transgender che volessero visitare la terra santa.

To Top