Blitz quotidiano
powered by aruba

Arabia Saudita, festa in villa: condannati a 300 frustate

Il gruppo (sei donne e cinque uomini) è stato condannato per oscenità dopo che la Polizia ha trovato alcol e "immagini indecenti"

ROMA – Sei donne e cinque uomini condannati a 300 frustate e a un anno di prigionia in Arabia Saudita dopo che un vicino ha segnalato alla Polizia dei buoni costumi islamici una festa in una villa accanto al mare a Jedd. Il gruppo è stato condannato per oscenità dopo che la Polizia ha trovato alcol e “immagini indecenti”. Inoltre, le donne non sono autorizzate a stare con gli uomini in Arabia a meno che non siano parenti. Secondo la Polizia, alcuni dei partecipanti alla festa erano ubriachi e hanno opposto resistenza.

La legge saudita non permette che le donne si mescolino agli uomini a meno che non ci sia parentela. La settimana scorsa, la polizia morale del Paese ha impedito l’ingresso a delle donne in uno Starbucks e ha detto loro di inviare ‘l’autista personale’ a comprare il caffè.

Segni in arabo e in inglese sono stati messi sulle porte del negozio di caffè, dove le donne non possono entrare. ‘Per favore, entrata non ammessa alle signore, inviare solo gli autisti per l’ordinazione. Grazie.’
A quanto è stato anche riferito, un uomo è stato arrestato dalla polizia morale dell’Arabia Saudita per aver indossato un costume da fumetto di una donna che mostra la pelle.

Un nonno inglese, Karl Andree, 74, è stato condannato a 378 frustate per aver fatto del vino in casa. Venne infine graziato dopo aver trascorso più di un anno di carcere a seguito di un appello pubblico della sua famiglia che temeva fortemente che la punizione lo avrebbe ucciso.

Il Comitato per la Promozione della virtù e la prevenzione del vizio, come è ufficialmente noto, è responsabile di assicurare che leggi islamiche come quelle non vengano infrante in pubblico. Ma è stata ripetutamente accusato di violazioni dei diritti umani.

Nel 2002, la commissione non ha permesso a delle studentesse di femminile ad uscire da una scuola che stava bruciando nella città Santa de La Mecca, perché non avevano il capo correttamente coperto.
La decisione si pensa abbia contribuito all’elevato bilancio di 15 vittime.

(Foto da Twitter)

Immagine 1 di 2
  • Arabia Saudita, festa in villa: condannati a 300 frustate 2L'uomo con questo abito, che simula una donna con le braccia scoperte, è stato arrestato
  • Gli avvisi che vietano l'ingresso delle donne sole da Starbucks
Immagine 1 di 2

PER SAPERNE DI PIU'