Blitz quotidiano
powered by aruba

Bbc, eutanasia in diretta: alle 21 “La scelta” di Simon Binner

LONDRA – Perché la BBC mostra un uomo che vuole levarsi la vita? Gli ultimi, strazianti attimi di un malato terminale che ha scelto l’eutanasia (dal greco “dolce morte”) in una clinica svizzera, verranno mandati in onda stasera. Simon Binner, soffriva di SLA, una rara malattia che indebolisce sempre più i muscoli. È il 19 Ottobre 2015, nelle immagini l’uomo giace sul letto di una stanza anonima, ben vestito per l’occasione.

Intorno a lui, le persone che ama di più lo guardano con gli occhi rossi del pianto e ancora faticano ad accettare la sua scelta. Dopo poco Binner apre la valvola di un piccolo tubo attaccato alla sua mano sinistra e lascia entrare nel sangue una dose letale di anestetico, un dosaggio trenta volte più forte di quello usato per sedare normalmente un paziente. Lo fa tremando, ma con movimenti decisi. Bastano quattro minuti e questo brillante business-man muore davanti alla moglie, alla sorella e a tre dei suoi più cari amici. Muore di fronte a una telecamera che mostrerà a un’intera nazione gli ultimi attimi della sua vita ormai distrutta dalla incurabile malattia.

“La scelta di Simon” verrà trasmesso questa sera sulla BBC 2 ed è l ultima puntata di un documentario intitolato “How to die”, “Come morire”. Il programma segue Simon e la sua famiglia per dieci mesi prima del suicidio assistito nella clinica di Basilea. Toccanti le immagini che mostrano Binner ascoltare i medici che spiegano minuziosamente a cosa andrà incontro una volta presa la decisione finale, mentre la moglie Debbie piange e lo supplica di restarle accanto. Minuto per minuto le telecamere riprendono l’ingresso dell uomo nella clinica, l’apertura della valvola con la dose di anestetico e infine i suoi ultimi strazianti respiri.

Il contenuto delle scene ha acceso diverse preoccupazioni. È la prima volta che la clinica permette tali riprese e per molti non solo sara difficile ma troppo forte da guardare. Le critiche evidenziano quanto possa influenzare, se non incoraggiare, mandare in onda una pratica ancora illegale in Inghilterra.

E infatti in tanti si sono chiesti: la BBC non stara forse esagerando? Diverse associazioni di malati terminali hanno tentato di bloccare la messa in onda: “Dovremmo fare tutto ciò che possiamo per fermare il suicidio anziché promuoverlo” commenta il presidente di un’associazione pro-vita.

Anche la moglie di Binner racconta le proprie preoccupazioni alle telecamere, “non è stato facile accettare tutto sin dall’inizio ma dovevo scegliere se trovare mio marito morto un giorno, suicidatosi in chissà quale orribile modo, oppure aiutarlo fino alla fine ad avere quella che lui credeva una morte dignitosa. Simon non camminava più, non era in grado di parlare o di badare a sé stesso e non potevo essere io a decidere sulla sua vita”. Dal 2002 più di 250 inglesi hanno attraversato il confine e scelto di affidarsi a questa pratica dal costo di circa 7000 sterline.

 


PER SAPERNE DI PIU'