Cronaca Mondo

Bomba H e bomba atomica: ecco le differenze e perché la Corea del Nord fa paura

Bomba H e bomba atomica: ecco le differenze e perché la Corea del Nord fa paura

Bomba H e bomba atomica: ecco le differenze e perché la Corea del Nord fa paura

LONDRA – Che differenza c’è tra una bomba a idrogeno, come quella testata dalla Corea del Nord, e una bomba atomica? La bomba idrogeno, che ha scatenato un terremoto di magnitudo 6.3 nel sito del lancio, è molto più potente dell’arma nucleare lanciata su Hiroshima e Nagasaki e di cui ancora oggi le città giapponesi pagano le conseguenze. Kim Jong-un dà così una prova della sua forza, testando con successo la bomba H, e allo stesso tempo di quanto possa essere pericolosa.

Le bombe a idrogeno sono armi termonucleari, più avanzate e potenti rispetto a tutti gli altri ordigni, scrive il Daily Mail. Le prime armi nucleari, incluse quelle sganciate su Hiroshima e Nagasaki, erano armi nucleari a fissione che dividevano gli atomi in particelle; mentre queste armi nucleari conosciute come bombe atomiche usano principalmente la fissione per creare energia, le armi termonucleari si avvalgono sia della fissione che della fusione.

Entrambi gli ordigni lavorano in un processo a due fasi, utilizzando una reazione iniziale di fissione, affinché si attivi una reazione di fusione che distrugga insieme i nuclei degli atomi, mettendo in atto lo stesso processo nucleare che alimenta il sole. Il risultato di questo progetto termonucleare, è un’esplosione devastante che può essere migliaia di volte più potente delle bombe atomiche tradizionali, che hanno un limite di resa di circa 500 kilotoni.

Inoltre, le armi termonucleari possono utilizzare la reazione di fusione per attivarne una seconda, in teoria senza alcun limite di resa. L’arma più potente mai sperimentata era un dispositivo russo con una resa di 50.000 kilotoni. Nel 1952, gli Stati Uniti testarono una bomba a idrogeno, con una capacità di 1.000 kilotoni; le “bombe H”, invece, non sono mai state utilizzate in guerra.

Gli esperti ritengono che l’ultimo dispositivo nordcoreano sia esploso con una resa di 100 kilotoni, che potrebbe collocarsi all’interno della gamma di resa di armi atomiche o termonucleari tradizionali. In entrambi i casi, sembra chiaro che il test era con una potente arma nucleare in grado di distruggere ogni anfratto di una città.

“Non dubitiamo che questo sia il test eseguito con un dispositivo nucleare avanzato”, ha detto un agente americano dell’intelligence a Reuters, parlando a condizione di rimanere anonimo.

L’agente ha tuttavia affermato che ci vorrà un po’ di tempo per completare un’analisi approfondita suemmlla portata dell’esplosione e del tipo di dispositivo detonato. I funzionari militari degli Stati Uniti come risposta al test norcoreano, alludono alla possibilità di “totale annientamento” del misterioso regime.

To Top