Blitz quotidiano
powered by aruba

Brasile, rissa tra bande rivali in carcere: 25 morti decapitati e bruciati vivi

BOA VISTA (BRASILE) – Rissa tra bande rivali in un carcere del Brasile, a Boa Vista, nello Stato settentrionale di Roraima: almeno 25 detenuti sono morti. Sette delle vittime sono state decapitate e altre sei sono state bruciate vive, ha reso noto la polizia.

La rivolta è scoppiata durante le visite dei familiari della domenica, quando alcuni detenuti, armati di coltelli e bastoni, sono riusciti ad entrare in un’altra ala del penitenziario, dove sono rinchiusi esponenti di una banda criminale rivale, e hanno iniziato il massacro.

Durante gli scontri un centinaio di visitatori, soprattutto donne, sono stati presi in ostaggio e poi sono stati rilasciati. Il carcere ha una capacità di 740 detenuti, ma attualmente ne ospita 1.400. Il Brasile ha la quarta più ampia popolazione carceraria al mondo, con 600mila detenuti. Secondo quanto riferisce la Bbc, nelle carceri più povere spesso a comandare sono alcune potenti gang criminali.

IL PRECEDENTE – Solo pochi giorni fa, il 29 settembre, c’era stata un’altra rivolta in un carcere brasiliano, in quel caso a Jardinopolis, San Paolo. Oltre duecento reclusi sono riusciti a scappare dal Centro di progressione penitenziaria (Cpp), dopo aver appiccato il fuoco in un’ala della prigione. Almeno un centinaio di evasi sono nel frattempo stati ricatturati mentre si nascondevano in una piantagione di canna di zucchero.

 


PER SAPERNE DI PIU'