Blitz quotidiano
powered by aruba

Cercasi contadino, isola più remota al mondo offre lavoro

A chi accetterà, per due anni, il lavoro di contadino nell'arcipelago sperduto verrà garantito il viaggio, il vitto e uno stipendio da concordare. Ciò che invece è richiesto, quasi in maniera intransigente, è lo spirito di comunità, la capacità di condividere le necessità dell'isola insieme ai pochi abitanti presenti.

ROMA – Cercasi contadino per salvare l’isola più remota al mondo. È l’offerta che arriva dall’arcipelago di Tristan da Cunha, nell’oceano Atlantico meridionale. Per raggiungerla sono necessari ben sette giorni di navigazione via mare da Città del Capo, che dista oltre 2400 km. Un lavoro che rappresenta una missione per salvaguardare il futuro dell’isola la cui comunità è composta da 265 persone.

Vivono di pesca e di patate, ma l’impegno profuso per la sopravvivenza non gli permette di raccogliere frutta e verdura nel migliore dei modi. L’obiettivo è annullare la necessità di importare alimenti dall’estero.

A chi accetterà, per due anni, il lavoro di contadino nell’arcipelago sperduto verrà garantito il viaggio, il vitto e uno stipendio da concordare. Ciò che invece è richiesto, quasi in maniera intransigente, è lo spirito di comunità, la capacità di condividere le necessità dell’isola insieme ai pochi abitanti presenti.

Nel “volantino” di offerta sono descritte anche le peculiarità e le proposte dell’isola per il divertimento: un pub, un bar, una sala da ballo, una piscina e un museo. Per comunicare con il resto del mondo c’è internete e un ufficio postale.

Immagine 1 di 8
  • Cercasi contadino, isola più remota al mondo offre lavoro 08Il benvenuto sull'isola
  • Visuale dall'alto dell'isola
  • Dove si trova Tristan da Cunha
  • Tristan da Cunha
  • La Chiesa a Tristan da Cunha
  • Case a Tristan da Cunha
  • Una panoramica di Tristan da Cunha
  • Cercasi contadino, isola più remota al mondo offre lavoro 01
Immagine 1 di 8

 


TAG: ,