Blitz quotidiano
powered by aruba

Cina, prestiti a ragazze. Ricatto: non paghi? Foto a luci rosse online

PECHINO – Ridammi i soldi che ti ho prestato o metto le tue foto su internet. Sembra un vero e proprio ricatto, invece è la prassi in Cina, nei confronti delle ragazze che chiedono prestiti per pagarsi l’università. Il ricco mercato dei finanziamenti online funziona così: rilascio dei prestiti soltanto con la consegna di foto di a “garanzia” della restituzione. In caso contrario, il mancato (o ritardo) dei pagamenti delle rate fa scattare la minaccia e poi l’immediato rilascio delle pose su Internet.

Il caso è stato sollevato dal Southern Metropolis Daily, un quotidiano locale della provincia di Guangzhou, secondo cui le sanzioni, oltre alle foto, nei peggiori casi sono anche sfociate in violenza . L’importo del prestito è subordinato al livello individuale di formazione, così come al prestigio di scuola o università frequentate: possono variare tra diverse centinaia a migliaia di yuan con tassi d’interesse del 24-30% a settimana. Il meccanismo della pratica d’accesso al credito è facile: fotocopia di carte d’identità di studentessa e nazionale, indirizzi di casa, numeri di telefono e informazioni relative alle rispettive famiglie e – naturalmente – le fotografie di , a volte con la beneficiaria che senza veli mostra la carta di identità.

Accompagnate dai genitori, molte vittime incapaci di onorare gli impegni e di restituire il denaro in tempo hanno cercato l’aiuto della polizia che tuttavia sembra avere armi spuntate nella lotta al fenomeno e nella ricerca dei responsabili. La tecnica di sollecito seguita dagli strozzini è altrettanto semplice: ad esempio, un messaggio inviato attraverso la popolare piattaforma QQ, intercettato dal Quotidiano del Popolo, l’organo ufficiale del Partito comunista, mostra la foto di “una ragazza senza vestiti” con un messaggio di minaccia d’invio (per avvertimento) alla famiglia della malcapitata in caso di mancato rimborso immediato di una rata da 10.000 yuan (1.400 euro).

Altri messaggi sono orientati alla “diffusione immediata” su Internet senza un “tempestivo” pagamento nell’arco di 24 ore. Li Li, nome di fantasia di un’ex vittima, ha raccontato di aver chiesto e ottenuto 500 yuan (70 euro) su una piattaforma online a febbraio, diventati con i tassi settimanali da usura al 30% la cifra di 55.000 yuan (quasi 7.800 euro). Li ha poi detto che molte altre studentesse universitarie hanno seguito il suo stesso cattivo esempio vergognandosi di raccontare alla polizia di essere finite nella trappola degli strozzini.