Cronaca Mondo

Città del Messico, 2 forti scosse di terremoto: 7,4 e 6.8. Ci sono vittime, gente intrappolata, crolli VIDEO

Città del Messico, 2 forti scosse di terremoto in 12 secondi: 7,4 e 6.8. Abitanti in strada, tremano palazzi VIDEO

Città del Messico, 2 forti scosse di terremoto in 12 secondi: 7,4 e 6.8. Abitanti in strada, tremano palazzi VIDEO

CITTÀ DEL MESSICO – Un fortissimo terremoto ha scosso Città del Messico. E’ stimata a 7.1 di magnitudo la scossa registrata nel Messico centrale, la prima, e di 6,8 la seconda avvenuta 12 secondi dopo.

Nella capitale, come mostra questo primo video postato su Twitter, migliaia di persone si sono riversate in strada mentre i grattacieli ondeggiavano.

Lo scossa si è verificata alle 13,30 locali (le 20,30 in Italia). Il terremoto ha colpito diverse città a centinaia di chilometri l’una dall’altra. Oltre alla capitale, Città del Messico, il sisma ha fatto danni a Puebla, Chipalcingo, Oaxaca, Morelia, Colima e Guadalajara. Il primissimo bilancio parla di almeno 5 morti nello stato di Puebla. Nella capitale ci sarebbero diversi edifici crollati e, secondo quanto riportano le tv locali ci sarebbero molte persone intrappolate negli edifici.

Un edificio è crollato a Condesa, quartiere centrale di Città del Messico. “Ho visto cadere l’edificio, è parecchio alto, c’è molta gente dentro, non capisco perché non arrivino più aiuti”, ha detto alla tv messicana una donna che vive davanti all’edificio crollato che si affaccia sulla strada Amsterdam angolo Laredo del quartiere Condesa. Sul posto c’è una catena di uomini che stanno rimuovendo le macerie.

Le tv messicane stanno mostrando immagini di edifici crollati in parti molto popolose di Città del Messico. La televisione trasmette immagini di colonne di fumo che si alzano da una grande struttura. Uno degli edifici crollati è un grande parcheggio vicino a un ospedale.

Alcuni quartieri abitati dalla classe media sono stati tra i più colpiti dal terremoto. i media locali segnalano Roma, Del Valle e Napoles, tra le altre zone. Le autorità hanno sospeso le lezioni in tutte le scuole.

Tony Gali, governatore di Puebla, ha riferito che “continuiamo a vedere” danni e “per ora non abbiamo notizia di morti”. Secondo il ministro dell’Interno dello Stato, Diodoro Carrasco, i campanili di alcune chiese sono crollati nella località di Cholula, famosa per le sue molte chiese.

Intanto l’istituto sismologico messicano ha precisato che l’epicentro del sisma è stato individuato a una profondità di circa 50 chilometri. Il traffico aereo verso l’aeroporto internazionale di Città del Messico, distante 123 chilometri dall’epicentro, è stato bloccato.

La scossa ha avuto luogo una settimana dopo il violento terremoto di 8,2 gradi Richter nel quale hanno perso la vita 100 persone e nel 33esimo anniversario del sisma del 1985. L’epicentro è stato localizzato a pochi chilometri da Chiautla de Tapia, a Puebla.

To Top