Blitz quotidiano
powered by aruba

Coppia di gemelli siamesi attaccati alla testa FOTO

NEW DELHI – Coppia di gemelli siamesi che condividono la testa: sono venuti al mondo in India, all’ospedale universitario statale di Deendayal Upadhyay, a Rajkot. Sono nati con un parto cesareo ma sono morti pochi minuti dopo.

Si tratta di un caso rarissimo, come ha spiegato lo stesso medico che ha fatto nascere i gemellini, il dottor Kirtan Vyas, 30 anni: “Eravamo in qualche modo preparati alla morte dei neonati, dal momento che i loro cervelli erano fusi insieme e una operazione chirurgica per separarli era impossibile. Abbiamo informato la famiglia in anticipo delle possibili complicazioni”.

In India, ha spiegato il medico, casi simili si verificano in un caso di parto su un milione. “Questo ospedale è stato fondato 140 anni fa, e in tutto questo tempo abbiamo avuto solo tre o quattro casi di gemelli uniti alla testa, ha aggiunto il medico. Ma questo caso di gemelli siamesi era persino più scioccante. Normalmente casi simili vengono diagnosticati durante le visite di controllo a cui la mamma si sottopone in gravidanza, in particolare nel primo trimestre, ma la mamma dei gemellini non si è mai sottoposta ad alcuna visita fino al settimo mese, non poteva permetterselo. E quando ha saputo come stavano le cose è rimasta scioccata.

I genitori dei due bimbi hanno accettato di donare i corpicini dei due gemellini, con gambe e braccia separate, alla collegio nazionale per ricerche mediche. La tragica nascita e morte dei due gemellini è simile a quella di un bimbo con due teste nato nel 2014 sempre in India.

Immagine 1 di 2
  • Coppia di gemelli siamesi attaccati alla testa FOTO 3
Immagine 1 di 2


PER SAPERNE DI PIU'