Blitz quotidiano
powered by aruba

Corea del Nord riaccende reattore nucleare a plutonio

Pyongyang ha riacceso il reattore nucleare a plutonio nel sito di Yongbyon che potrebbe fornire combustibile per armi nucleari

PYONGYANG  –  Corea del Nord, ancora un passo nella corsa al nucleare. Pyongyang ha riacceso il reattore nucleare a plutonio nel sito di Yongbyon che potrebbe fornire combustibile per armi nucleari. Lo ha riferito il direttore dell’intelligence americana James Clapper, aggiungendo che il regime di Kim Jong-un sta avanzando nel suo sistema di missili balistici intercontinentali.

“Abbiamo anche valutato che la Corea del Nord abbia mantenuto operativo il reattore abbastanza a lungo in modo da poter iniziare a recuperare il plutonio dal combustibile del reattore nel giro di settimane o mesi”,

ha aggiunto Clapper, sottolineando che Pyongyang si è anche impegnata nello sviluppo di un missile a lungo raggio dotato di armi nucleari al punto “da essere una minaccia diretta per gli Stati Uniti”.

Sono ormai settimane che la Corea del Nord procede nella sua corsa solitaria sfidando l’autorità dell’Onu, la comunità internazionale e la Cina, suo alleato storico. Lo scorso 7 febbraio c’è stato il lancio del suo razzo a lunga gittata manda in orbita “Kwangmyongsong-4″, il satellite per le osservazioni terresti, anche se il “successo” annunciato dalla tv di Stato Kctv è tutto da verificare.

Fatto sta che dagli 007 sudcoreani è arrivato pure l’allarme di scenari più complessi con un quinto test nucleare, dopo quello del 6 gennaio, in possibile dirittura d’arrivo.

Le ultime iniziative di Pyongyang, come prevedibile, hanno fatto infuriare Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud che hanno ottenuto la convocazione d’urgenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu che ha ribadito l’intenzione di “adottare ulteriori e significative misure” contro il regime di Pyongyang. E ha condannato “duramente” il nuovo test missilistico sottolineando che si tratta di “una seria violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite”.

La Cina, in fasi diverse e già immersa nei festeggiamenti del Capodanno lunare, ha parlato di “sviluppo negativo per la penisola coreana”, “disappunto” e “invito a mantenere la calma”. Un commento sul Global Times, testata della linea ufficiale del potere di Pechino, ha riassunto la vicenda definendola un “lancio preventivo” che “complica la situazione”.