Blitz quotidiano
powered by aruba

Detenuto pianificò omicidio del procuratore: altri 40 anni di carcere…

CHICAGO – Un detenuto ha pianificato dal carcere l’omicidio del procuratore che lo aveva fatto condannare per l’omicidio della sua terza moglie. Un piano che però è stato scoperto, grazie all’intercettazione di un discorso registrata da un altro detenuto, e così Drew Peterson è stato condannato ad altri 40 anni di carcere, da aggiungere alla pena che stava già scontando dal 2013.

Peterson era stato arrestato e condannato per l’omicidio della terza moglie, Kathleen Savio, c stata trovata morta nel 2004. James Glascow, un procuratore americano di Chicago, lo ha fatto condannare nel 2013 e così l’uomo è finito in prigione. Proprio dalla cella però Peterson organizzava l’omicidio del procuratore, di cui avrebbe voluto vendicarsi.

La registrazione che dimostrava le sue intenzioni per uccidere il procuratore Glascow però sono arrivate in tribunale e così Peterson è stato condannato ad altri 40 anni di carcere da aggiungere alla pena che stava già scontando. Il detenuto, una volta in tribunale, si è difeso dichiarando che non ha mai avuto intenzione di uccidere il procuratore e di sapere che l’altro detenuto stava registrando la loro conversazione.

Peterson, ex agente di polizia, sarebbe dovuto rimanere in carcere fino al 2047 per la condanna per omicidio, avendo così la possibilità di uscire sulla parola all’età di 93 anni, Una possibilità che dopo la condanna a 40 anni, che inizierà a scontare dal 2047, gli garantirà una una vita in carcere.


PER SAPERNE DI PIU'