Cronaca Mondo

Dichiarata morta viene cremata, ma era ancora viva

Dichiarata morta viene cremata, ma era ancora viva

Dichiarata morta viene cremata, ma era ancora viva

NUOVA DELHI – Rachna Sisodia, 24 anni, era stata ricoverata per una grave infezione polmonare in un ospedale in India. I medici l’hanno dichiarata morta e la famiglia ha come da tradizione proceduto alla cremazione: si è però scoperto che quando sono divampate le fiamme la ragazza era ancora viva.

In India, da tradizione, il cadavere viene messo su una pira funeraria e viene bruciato sul rogo. Qualcuno si è accorto che quel corpo non era esanime e Rachna è stata spostata dalla pira: ormai era deceduta, ma intossicata da fumo e fiamme.

Una scoperta, racconta il The Sun, che ha ovviamente sconvolto la famiglia: la colpa sarebbe di  un errore medico. Rachna infatti avrebbe avuto una sindrome da distress respiratorio acuto e le analisi fatte in seguito sul cadavere hanno evidenziato che la giovane non è morta a causa di un’infezione. Indagini sono in corso per accertare le responsabilità del gravissimo episodio.

 

To Top