Blitz quotidiano
powered by aruba

Donald Trump, singolare coincidenza: 11-9 contrario di…9-11

NEW YORK – Donald Trump, singolare coincidenza tra la data della sua elezione, il 9 novembre 2016, e la data della grande tragedia americana dell’11 settembre: 9-11 il contrario di 11-9. Come evidenzia il Mirror, sui social non sono mancati tweet complottisti di utenti che hanno messo in relazione il giorno dell’elezione del nuovo presidente, con gli attentati terroristici avvenuti l’11 settembre 2001 in America, ovvero l’11-9, il contrario del 9-11. Se è vero infatti che le elezioni si sono svolte l’8 novembre, i risultati ufficiali sono arrivati il giorno dopo. L’obiettivo di chi non vede di buon occhio la vittoria alla presidenza del tycoon è quello di trovare una correlazione tra l’elezione di Trump e i quattro attacchi suicidi.

L”11/9 è il nuovo 9/11“, scrive un utente su Twitter, ricordando che mese/giorno/anno è il formato principalmente utilizzato negli USA per le date. “Il giorno in cui il presidente uomo d’affari ha mandato in frantumi l’economia globale. 11/9 è il nostro 9/11 finanziario”, specifica un altro. “11/9 è più disastroso del 9/11“, si legge ancora. Infine: “Due giorni che la storia americana non potrà mai superare : 9/11  e 11/9″.

In realtà, tralasciando le interpretazioni catastrofiche dei no-Trump, il 9 novembre ci riporta alla mente un altro evento che ha cambiato la storia contemporanea, ovvero la caduta del Muro di Berlino e la fine della Cortina di ferro. “Da stasera la frontiera è aperta”, con questo annuncio il leader del partito comunista berlinese, Gunter Schabowsky dava il via allo smantellamento del principale simbolo della Guerra fredda, fatto costruire nel 1961. Una barriera che segnava il confine tra Berlino Est (capitale della RDT) e Berlino Ovest (amministrata dalla Repubblica Federale Tedesca). Ma attenzione: il 9 novembre 1799 è anche la data del colpo di Stato nella Francia post monarchica (18 brumaio, anno VIII della Rivoluzione), compiuto da Napoleone Bonaparte, che segnò la fine del Direttorio. Venne emanata una nuova Costituzione, con la quale instaura un regime autoritario. E anche questo, inutile dirlo, non è passato inosservato ai complottisti.