Cronaca Mondo

Egitto, oltre 50 poliziotti uccisi da terroristi nel deserto

Egitto-strage-poliziotti

Egitto, oltre 50 poliziotti uccisi da terroristi nel deserto

IL CAIRO – Oltre 50 poliziotti uccisi in Egitto, durante uno scontro a fuoco con gruppi terroristici armati nel deserto occidentale. Secondo fonti del ministero dell’Interno egiziano che chiedono l’anonimato, sono morti 54 poliziotti, tra cui 35 ufficiali.

La carneficina è avvenuta in un’oasi in un’oasi del deserto el-Bawity, Bahariya, a Sud del Cairo. A rivendicare l’attacco è stato il gruppo di terroristi islamici Hasm. In un comunicato diffuso su internet (il “numero 17”), la formazione considerata dal governo vicina alla Fratellanza musulmana anche se questa lo nega, ha sostenuto che le forze di sicurezza hanno perso 56 uomini e altri 32 sono rimasti feriti. Le vittime sarebbero “per la maggior parte ufficiali”.

In contrasto con quanto riferito dal ministero dell’Interno che parla di un imprecisato numero di terroristi uccisi, Hasm sostiene che “i mujahedin sono rientrati alle loro basi indenni e senza alcuna perdita”. Nell’attacco, sul quale verrà diffuso un video, “è stato usato ogni tipo di arma”, scrivono i terroristi.

Come noto “Haraket Hasm” o “Movimento decisivo” è emerso l’anno scorso rivendicando il tentativo di uccisione di un viceprocuratore generale. Da allora ha compiuto altri attentati. L’Egitto sta affrontando un’insurrezione islamica estremista concentrata nella penisola del Sinai da parte di due gruppi principali, uno dei quali affiliato con lo Stato Islamico, che ha portato alla morte di centinaia di agenti della sicurezza dal 2013 a oggi.

To Top