Cronaca Mondo

Fidanzatina si finge morta, ragazzino di 11 anni si toglie la vita

Fidanzatina si finge morta, ragazzino di 11 anni si toglie la vita

Fidanzatina si finge morta, ragazzino di 11 anni si toglie la vita

NEW YORK – La fidanzatina si è finta morta su Facebook e il crudele scherzo si è presto trasformato in tragedia. Tysen Benz, un ragazzino di 11 anni del Michigan, si è tolto la vita pensando di aver perso il suo amore. A raccontare la tragedia è Katrina Goss, la mamma di Tysen, che ha spiegato come la fidanzatina volesse fare uno scherzo al figlio, scherzo crudele che ha coinvolto anche gli altri amici. La ragazzina ora rischia un’incriminazione per istigazione al suicidio e di essere processata come un’adulta.

La donna è entrata nella stanza proprio mentre il figlio stava cercando impiccarsi; per diverse settimane ha lottato tra la vita e la morte ma è deceduto all’ospedale di Ann Arbor. Della ragazza, poiché minorenne, non è nota l’identità.  La Goss, riporta il Daily Mail, ha raccontato la sua storia triste storia al New York Post:

2x1000 PD

“La fidanzatina ha fatto in modo che lui credesse alla sua morte, grazie all’aiuto di amici. Tysen le ha creduto e annunciato di avere intenzione di uccidersi”.

La mamma di Tysen non si dà pace. Il ragazzino era un atleta, brillante e amato da tutti. Le cose sono iniziate ad andare male quando ha comprato il cellulare da un amico e, contro la volontà della madre, usciva di nascosto con la ragazzina di 13 anni.

Uno scherzo manipolatorio e assurdo che è senza motivo, ma ha fatto la sua vera vittima. Il capitano Mike Kohler del Dipartimento di Polizia di Marquette ha detto che stanno ancora indagando sulla morte di Tysen ma è possibile che se le accuse fossero confermate, la ragazza venga processata come un’adulta. Mentre il sistema legale minorile mira a riabilitare i trasgressori affinché possano reinserirsi nella società, il tribunale degli adulti li punisce. La Goss ha incoraggiato le famiglie a parlare e comunicare con i figli sui pericoli di internet, sms e social media.

To Top