Blitz quotidiano
powered by aruba

“Hai gonna corta, ora seguimi”. Preside la fa inginocchiare

È successo in Texas, dove una studentessa è finita umiliata per colpita di un abito che tutto era tranne che troppo corto.

NEW YORK – E’ stata costretta a mettersi in ginocchio davanti al preside, perché lui potesse misurare con un righello se la gonna che indossava quel giorno era troppo corta.

Una vicenda pazzesca, che arriva dagli Stati Uniti. Suo malgrado, la protagonista è Amanda Durbin, 17enne americana, punita in modo umiliante per l’abbigliamento sfoggiato a scuola. Il tutto è successo alla Edmonson County High School, che tra le sue regole ha quella di vietare leggings e gonne troppo corte. E il comandamento del “non indossare gonne troppo corte” è stato violato da Amanda.

Dopo essere arrivata a scuola con un indumento ritenuto inadatto, è stata convocata nell’ufficio del preside, che la ha costretta a inginocchiarsi per poter così agevolmente misurare la lunghezza della gonna, risultata inadatta.

Non solo. Anche dopo la misurazione, il preside non era convinto. E la ragazza è stata fatta camminare con le mani in aria per i corridoi della scuola, per controllare che quell’abito non rivelasse davvero nulla.

Interpellata dal Daily Mail, Amanda ha spiegato: “Mi hanno fatto vergognare. In quel momento mi sono sentita insicura”. Dopo l’umiliazione nell’ufficio del preside, sono stati chiamati i genitori, che una volta arrivati all’istituto hanno dovuto ricondurre la ragazza a casa.


TAG: