Blitz quotidiano
powered by aruba

Hillary Clinton, libro bomba dell’ex guardia del corpo

NEW YORK – Gary Byrne, agente dei servizi segreti ed ex guardia del corpo di Hillary Clinton, sta per pubblicare un libro dove svela segreti familiari inconfessabili della prima donna a correre per la Casa Bianca. Gary Byrne racconta che nel 1990, posto a protezione dell’ Ufficio Ovale, vide delle cose che “lo disgustarono”.

Intitolato “Crisis of Character” (Crisi di carattere), uscirà nelle librerie USA il prossimo 28 giugno e a quanto pare svelerà dettagli molto scomodi sulla vita dei Clinton, dentro e fuori la Casa Bianca. Per ora i dettagli del libro sono segretissimi, ma la descrizione offre un assaggio di ciò che racconta l’agente dei servizi segreti all’interno: “Messo a guardia dell’ Ufficio Ovale, l’ex ufficiale dei servizi segreti Gary Byrne rivela il vero carattere di Hillary Clinton e ciò che vide mentre proteggeva la famiglia alla Casa Bianca”.

E’ proprio fuori dall’ Ufficio Ovale che Byrne ha visto le macchinazioni politiche e personali di Bill e Hillary, oltre alle varie personalità ferocemente leali ai due. Sembra che un giorno Bill Clinton arrivò alla Casa Bianca con un occhio nero “uno di quelli cui ci si mette sopra una bistecca fredda, come i cartoni animati. Alla domanda su cosa avesse fatto, Hillary rispose che il marito era allergico al caffè”, racconta l’autore.

Byrne nel 1998 fu uno degli agenti interrogati da un Grand Jury circa la storia tra Monica Lewinsky e Bill Clinton. Come racconta il Washington Post in un articolo, all’agente la Lewinsky non piaceva e nel 1996 lo confidò a Evelyn Lieberman, capo dello staff.

Poco dopo la Lewinsky venne rimossa dall’incarico perché teneva “un comportamento immaturo e inappropriato”. Sembra infatti che le piacesse girare in posti a lei inaccessibili, come l’ala ovest della Casa Bianca, dove non le era assolutamente consentito entrare. In “Crisi di carattere”, Byrne cita scandali sconosciuti e non. E la storia la racconta ora, prima che gli elettori vadano a votare, nella speranza che i supporters di Hillary capiscano chi è realmente.

Sembra, infatti, che lontana dalle telecamere Hillary abbia una personalità isterica e aggressiva, come racconta anche il giornalista investigativo Ron Kessler nel libro “I dettagli della famiglia Clinton”. Anche Kessler rivela che agenti e guardie del corpo pensavano che il matrimonio fosse una farsa e quanto detestassero essere al servizio di Hillary: “Era molto maleducata, non solo con gli agenti ma con chiunque incontrasse. Si comportava come se non ti volesse tra le scatole. Un giorno un membro dei servizi segreti la salutò con “Buongiorno, Madam” e quello che ricevette in cambio fu un sonoro vaff…”. Al contrario di Hillary, Chelsea e Bill vengono invece descritti come persone molto educate, ben lontane dal carattere isterico di Hillary. “Chelsea era il modello di persona da proteggere, ci rispettava molto”. Kessler spiega che quando la Clinton è in pubblico sorride e si atteggia con grande grazia. “Ma appena le telecamere si allontanano viene fuori la sua personalità arrogante, arrabbiata. Hillary Clinton riuscirebbe a far sembrare Ric Nixon come Mahatma Gandhi”.