Blitz quotidiano
powered by aruba

Hillary Clinton: “Sono l’ultima cosa tra voi e l’Apocalisse”

ROMA – Non è una distanza solo di ideali, quella che Hillary Clinton traccia nei confronti del suo avversario Donald Trump. E’ una distanza, si potrebbe dire, antropologica. In un lungo intervento al New York Times la candidata democratica che tra un mese scarso potrebbe essere il primo presidente donna degli Stati Uniti dice: “Sono l’ultima cosa tra voi e l’Apocalisse”.

Un linguaggio duro, volutamente apocalittico, appunto. Perché secondo Hillary Clinton stavolta non si tratta di scegliere tra due modi diversi di governare e intendere la politica. Stavolta la decisione è tra visioni del mondo contrapposte, una, quella di Trump, che a suo dire è inconciliabile con la carica in gioco: la poltrona più importante al mondo.

Dice Clinton: “Ho avuto l’opportunità di incontrare tanti presidenti nel corso degli anni”, ha detto Clinton. “Ho avuto i miei motivi di disaccordo con loro. Ma non ho mai dubitato per un nanosecondo che ogni mattina si svegliassero cercando di capire quale fosse la strada migliore da seguire per il Paese. Almeno erano persone serie”. Clinton è stata segretario di Stato sotto il primo mandato Obama ma è stata soprattutto la moglie di Bill Clinton e questo ha significato digerire lo scandalo Lewinski.

“Ci si sente molto diversi – dice Clinton- Se avessi di fronte un altro repubblicano, avremmo i nostri disaccordi, non fraintendetemi, e starei comunque cercando di fare del mio meglio. Ma non andrei a letto la sera con un nodo alla bocca dello stomaco”.

Dal canto suo Trump, in evidente difficoltà e scaricato da buona parte del suo partito dopo l’ultimo scandalo, dice: “E’ bello che mi siano state tolte le manette. Ora posso combattere per l’America nel modo che piace a me”.