Blitz quotidiano
powered by aruba

Ikea ritira cassettiera Malm: 6 bimbi morti schiacciati

ROMA – Ikea ha deciso di ritirare dal mercato americano la cassettiera Malm dopo che lo scorso aprile un bimbo è morto schiacciato dal mobile. Si tratta del sesto bimbo morto a causa della cassettiera a partire dal 1989, quando ci fu il primo caso, mentre gli altri incidenti sono avvenuti fra il 2002 ed il 2016, tre solo tra il 2014 e il 2016.

Il problema di queste cassettiere è che se non sono fissate alla parete, possono sbilanciarsi e cadere quando vengono aperti i cassetti. Ma fino ad ora la multinazionale svedese aveva solo dato l’avvertimento di attaccarle al muro.

Il mobile, infatti, non è stabile e va fissato alla parete per evitare che cada, tanto che tre bambini sono stati schiacciati e hanno perso la vita. Ikea ha così deciso di ritirare la cassettiera e di cancellarne la produzione per motivi si sicurezza.

In precedenza Ikea non aveva modificato il design del prodotto né aveva deciso finora di ritirarlo dal mercato, ma aveva solo lanciato un programma di “riparazione” nel 2015, fornendo il kit di fissaggio.

L’ultima vittima è Theodore McGee, un bimbo di nemmeno due anni che lo scorso 14 febbraio è rimasto schiacciato dalla cassettiera Malm che aveva in casa Apple Valley, in Minnesota. La madre Jane ha raccontato la tragedia:

“Lo avevo messo a letto per farlo dormire . Andavo a controllarlo ogni 20 minuti. Quando sono andata in camera sua non l’ho visto più nel suo letto e allora ho pensato che si stesse nascondendo: la cassettiera si era ribaltata sopra di lui. Non abbiamo sentito nulla, neanche un urlo da parte di nostro figlio”.

 

 

Immagine 1 di 6
  • Ikea, cassettiera Malm uccide un altro bimbo: è il terzo06
Immagine 1 di 6

TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'