Blitz quotidiano
powered by aruba

Imam di Isfahan (Iran): “Donne senza velo portano siccità”

ROMA – Imam di Isfahan (Iran): “Donne senza velo portano siccità”. Non è una leggenda metropolitana iraniana: l’imam di Isfahan, Yosef Tabatabei, ha veramente affermato che la persistente siccità del fiume cittadino Zayendeh è colpa delle donne che si mostrano a volto scoperto, senza cioè l’obbligatorio hijab. Con l’aggravante di farsi fotografare in questa indecente posizione.

“Ho visto molte donne che si fotografano vicino al fiume senza hijab e ho sentito che sui social media vengono incoraggiate a togliersi il velo. Sono queste donne senza velo che fanno seccare il fiume Zayandeh”, le parole precise dell’imam. Il caso è stato sollevato sul profilo Facebook “My stealthy freedom”, creato dalla giornalista iraniana Masih Alinejad, per raccontare la sua vita senza velo. La pagina ha quasi 800mila iscritti e donne di tutte le età e condizione sociale vi pubblicano foto e video.

Un suo commento fa capire il grado di arretratezza culturale sovente mostrato dalle autorità religiose e come quella femminile sia la vera questione in Iran.

“In passato il religioso Kazen Sedigi ha dichiarato che le donne che non si vestono modestamente diffondono l’adulterio nella società e così provocano i terremoti. Ora siamo accusate di un altro disastro naturale. Pare che chi governa l’Iran abbia deciso di gettare l’onta della propria incompetenza e della propria incapacità di governo sulle donne. Con le belle foto che abbiamo fatto, noi aggiungiamo qualcosa alla bellezza della natura, non causiamo disastri naturali. Quelli sono causati dalla nostra inabilità di gestire le limitate risorse dell’Iran”. (dal profilo “My stealthy freedom”, L’Espresso)


TAG: , , ,