Cronaca Mondo

India, manuale del governo per donne incinte: “Astenetevi da carne, rapporti e pensieri cattivi”

India, manuale del governo per donne incinte: "Astenetevi da carne, rapporti e pensieri cattivi"

India, manuale del governo per donne incinte: “Astenetevi da carne, rapporti e pensieri cattivi”

NEW DELHI –  Le donne incinte si astengano dal mangiare la carne, dal fare sesso e dai pensieri cattivi. Sono le indicazioni contenute in un manualetto governativo di “buoni consigli” di vita sana pubblicato in India per le donne che aspettano un figlio. Consigli che hanno ovviamente suscitato reazioni ironiche, polemiche e critiche da parte di specialisti e movimenti femminili.

Il vademecum, intitolato “Cura della madre e del bambino“, è stato diffuso alla vigilia della Giornata internazionale dello Yoga dal ministero dell’Ayush, che promuove l’uso di terapie alternative (Ayurveda, yoga, unami, siddha, omeopatia e naturopatia).

I media indiani hanno usato per lo più toni ironici nel presentare giorni fa il documento che propone una serie di comportamenti fra cui, oltre a “non mangiare carne e non avere rapporti sessuali”, “evitare cattive compagnie, formulare pensieri spirituali, leggere biografie di grandi personaggi, ed appendere belle immagini in camera da letto”.

Questa accoglienza negativa ha spinto il ministro dell’Ayush, Shripad Naik, ad intervenire per cercare di ridimensionare le polemiche sostenendo che “si tratta di un libro vecchio di tre anni” che “non contiene alcun divieto pressante, ma che solo ‘consiglia’ di astenersi dal consumo di carne e uova e dalle pratiche sessuali”.

Per nulla convinte da queste spiegazioni, le attiviste sociali indiane hanno ribattuto che “è un fatto che, per esempio, a pagina 14 il manuale consiglia esplicitamente alle donne incinte di allontanarsi da desiderio, ira, attaccamento, odio e concupiscenza”.

Inoltre, quello che più preoccupa il mondo scientifico, in un Paese in cui ogni anno nascono 26 milioni di bambini, molti dei quali muoiono prima di raggiungere il quinto anno di età per malattie legate alla malnutrizione, è il pressante suggerimento dato alle gestanti di non consumare carne. Al riguardo la ginecologa Malavika Sabharwal, dell’Apollo Healthcare Group, ha dichiarato al quotidiano Hindustan Times che “questo consiglio è anti-scientifico. La deficienza di proteine, la malnutrizione e l’anemia sono preoccupazioni forti per le donne incinte e le carni sono una fonte fondamentale sia di proteine sia di ferro”.

Per quanto riguarda poi il sesso, il dottor Namrata Kachhara, ginecologo del Medanta Hospital di New Delhi, ha tagliato corto: “Certo, nei primi tre mesi dalla concezione, quando l’embrione si è appena impiantato, movimenti spasmodici possono essere dannosi. Ma successivamente, se i partner sono d’accordo, non vi è alcuna ragione per permettere a raccomandazioni governative non convincenti di regolare la vita sessuale della coppia”.

To Top