Cronaca Mondo

Las Vegas, ingaggia sicario per far fuori la moglie, poi ammazza il killer: condannato a morte

Las Vegas, ingaggia sicario per far fuori la moglie, poi ammazza il killer: condannato a morte

Thomas Randolph

LAS VEGAS – Ingaggia un killer per uccidere sua moglie, poi una volta eliminata la consorte, fa fuori il sicario. Una giuria del Nevada ha condannato a morte il 62enne Thomas Randolph per aver assunto il killer e per averlo ucciso una volta fatto il lavoro sporco. Colleen Beyer, figlia della moglie uccisa, Sharon Causse, ha detto al Las Vegas Review-Journal che “ha avuto ciò che merita. E’ un mostro malvagio”.

Randolph, dopo il verdetto, non sembrava visibilmente scosso ma a un certo punto si è rivolto a un produttore di news televisive e mostrato il pollice in su, ha riferito il Journal-Review. Nonostante l’efferatezza dei crimini commessi, nel corso del processo ha sempre avuto un atteggiamento rilassato. In una delle udienze indossava una maglia  di Tony Romo, dei Dallas Cowboy, sostenendo che lo faceva sentire a suo agio.
“La maglia dei Cowboy mi sta dando conforto” ma l’abbigliamento non ha suscitato la simpatia dei procuratori: il vice procuratore distrettuale David Stanton ha dichiarato che la scelta di Randolph mostrava assenza di pentimento. “Non gli interessa niente, non lo tocca minimamente”, ha detto Stanton al Las Vegas Review-Journal.
“Qualsiasi essere umano razionale sarebbe sconvolto”. Randolph prima del processo, si è sempre dichiarato innocente. Nei colloqui iniziali con la polizia, nel maggio 2008, aveva affermato che poco dopo aver trovato morta la moglie, aveva visto un uomo che indossava una maschera da sci nera. Il corpo fu trovato nell’ingresso del corridoio della casa coniugale. Randolph disse di aver incontrato l’uomo con la maschera e gli aveva sparato cinque volte. In breve tempo, nella storia di Randolph sono emerse parecchie crepe: è stato notato che sia la Causse, sesta moglie di Randolph, sia la Miller, erano morte in circostanze sospette come la seconda consorte.
To Top