Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis, 20 mln ad ex detenuto Guantanamo legato a Jihadi John

LONDRA – Un ex detenuto britannico di Guantanamo che ha ricevuto un risarcimento di 20 milioni di sterline è stato collegato al famigerato combattente jihadista Isis britannico noto come Jihadi John.

 

Tarek Dergoul era andato in Portogallo con Mohammed Emwazy per incontrare un sospetto terrorista siriano nell’estate del 2011, un anno prima di andare in Siria a giustiziare ostaggi.  Secondo il Daily Mail, Dergoul, di origini marocchine ma nato nell’East London, ha confermato che i servizi di sicurezza britannici sapevano del suo rapporto con Emwazy.

Il trentottenne Jihadista John è stato ucciso in un attacco aereo degli Stati Uniti lo scorso novembre a Raqqa, città occupata dall’Isis in Siria.

Mohammed Emwazy è stato nel mirino dei servizi di sicurezza britanni per diversi anni, con un’intensificata sorveglianza dopo un safari di Emwazy in Tanzania nel 2009.

In viaggio con altri due amici, Emwazy era stato fermato in Tanzania ed espulso dal Paese: era solo una copertura di un piano segreto per recarsi in Somalia e unirsi ad al-Shabaab.

Emwazy, successivamente ha ripetutamente rivendicato di essere stato tormentato dai servizi di sicurezza accusando gli agenti dei servizi segreti di aver rovinato, per due volte, la possibilità di sposarsi quando era fidanzato.

Nonostante la maggiore sorveglianza dei servizi di sicurezza e diversi tentativi falliti di tornare in Kuwait, il laureato alla University Westminster passò attraverso i controlli di frontiera quando accompagnò Drove da Londra a Lisbona.

Questa settimana, quando gli è stato chiesto del suo rapporto con Emwazy e del viaggio in Portogallo, Dergoul ha detto al Sunday Times:”Non so di cosa stia parlando”.

Ha parlato con franchezza del suo passato affermando:”L’MI5 (i servizi segreti britannici, ndr) sa… Cosa c’è di così segreto su esso? Non ho niente da nascondere. Qualsiasi Paese che ho visitato ha il suo file”.

Nel corso del viaggio in Portogallo, Tarek Dergoul e Mohammed Emwazy, si incontrarono probabilmente con un uomo siriano di cui per motivi legali non può essere fatto il nome. L’uomo siriano era stato a Guantanamo dopo la cattura in Afghanistan.

Dergoul, Emwazy e l’uomo incontrarono diversi membri dei servizi di sicurezza portoghesi, che li interrogarono sulla loro provenienza. Dergoul ed Emwazy li informarono che erano in Europa per un viaggio turistico, prima che i due uomini fossero rimandati nel Regno Unito e dopo che Emwazy aveva ricevuto una telefonata urgente da suo padre in merito a questioni familiari.

Dergoul, a Guantamo dopo l’arresto in Afghanistan ha sostenuto che aveva viaggiato in Pakistan per studiare l’arabo, cercando di acquistare terreni e sviluppare le proprietà per poi venderle e trarne profitto dopo la guerra. Ha negato le accuse degli Stati Uniti di aver frequentato un campo di addestramento jihadista in Afghanistan.

Dopo essere stato detenutoa Guantanamo e aver raccontato come sia stato picchiato e abbia subito ripetuti abusi, Dergoul e altri quattro britannici sono stati rimpatriati nel Regno Unito. Dergoul e un altro detenuto, Jamal al-Harith, nel 2010 hanno ricevuto una somma di 20 milioni di sterline dai ministri.

Conosciuto come Ronald Fiddler prima della conversione, al-Harit avrebbe viaggiato in Siria e si sarebbe unito all’Isis nel mese di aprile 2014 e sarebbe stato ucciso in una battaglia.

Emwazy, è ritenuto un membro chiave di una gang del West London formata da giovani estremisti, che comprendeva Bilal al-Berjawi e Mohammed Sakr uccisi entrambi in un attacco dei droni mentre combattevano per al-Shabaab in Somalia.

Circa un anno dopo il viaggio di Emwazy in Portogallo, l’informatico nato in Kuwaitn scomparve e si pensa abbia attraversato l’Europa per andare in Siria.

Avrebbe camminato attraversando le catene montuose europee e secondo Dabiq, la rivista di propaganda di Isis, “sarebbe stato arrestato almeno due volte dalle autorità di varie Nazioni”.

Nel gennaio 2016, Isis ha confermato la morte del notorio propagandista scrivendo un lungo tributo dedicato a lui su Dabiq.

Emwazy, noto come Abu Muharib al-Yemeni, membro del Bedoon, nell’articolo è stato elogiato quale “onorato fratello” che una volta ha dato via una concubina di un compagno combattente ferito.
“La sua durezza verso i kuffar (non credenti) si manifestò con fatti che fecero infuriare tutte le nazioni, religioni e fazioni kuffar. Il mondo intero lo può testimoniare”.

L’articolo ha anche descritto come Emwazy fu interrogato in diverse occasioni dai servizi di sicurezza quando cercò di lasciare il Regno Unito.

“Durante l’interrogatorio, Abu Muharib fingeva di essere poco intelligente, era il metodo che usava quando si trattava d’Intelligence. Il Profeta ha detto: ‘La guerra è inganno'”, sosteneva Emwazy.

 

 


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'