Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis, Cnn: a Mosul giustiziati 284 uomini e bambini

BAGHDAD  –  Nuovo orrore firmato Isis. I miliziani jihadisti hanno giustiziato 284 persone tra uomini e bambini nelle giornate di giovedì e venerdì, mentre le forze di coalizione avanzavano verso Mosul: lo ha riferito un fonte dell’intelligence irachena alla Cnn. Le vittime, scrive l’emittente americana, erano state sequestrate per essere usate come scudi umani contro gli attacchi della coalizione che stanno costringendo l’Isis a lasciare alcuni quartieri meridionali di Mosul, dal 2014 roccaforte del cosiddetto Stato Islamico in Iraq, ha spiegato la fonte alla Cnn.

L’Isis, ha proseguito, ha usato un bulldozer per gettare i corpi in una fossa comune scavata sul luogo delle esecuzioni, ovvero l’ex Collegio di Agricoltura di Mosul, a nord della città. Tutte le vittime sono state uccise con colpi di arma da fuoco. Tra loro c’erano anche molti bambini, ha sottolineato la fonte, che ha voluto mantenere l’anonimato. La Cnn non ha potuto verificare in modo indipendente la notizia.

Intanto la polizia irachena ha fatto sapere di aver ripreso il pieno controllo sulla città settentrionale di Kirkuk, dopo 24 ore di violenti combattimenti con miliziani dell’Isis che avevano attaccato diversi obbiettivi nel centro abitato. Il generale Khattab Omer ha riferito che tutti i “terroristi” sono stati uccisi o si sono fatti saltare in aria. Non è però chiaro quanti miliziani hanno preso parte all’assalto, che è apparso come un diversivo per bloccare l’avanzata dell’esercito iracheno e dei suoi alleati alla riconquista di Mosul, la roccaforte del califfato. Gli jihadisti hanno ucciso ieri, venerdì 21 ottobre, tredici lavoratori di una centrale elettrica di Kirkuk, compresi quattro iraniani, e un giornalista.

A Kikruk sabato mattina sono ripresi gli scontri armati tra forze curde e miliziani dell’Isis. “Sparatorie sono ancora udite nelle stesse aree degli scontri di ieri, anche se con minore intensità”, ha detto Al Jazira citando testimoni. Il capo della polizia, generale Sarhad Qadir, ha aggiunto che scontri sono avvenuti la notte scorsa tra miliziani curdi peshmerga e jihadisti dell’Isis anche vicino alla cittadina di Laylan, a sud di Kirkuk. “Dopo accaniti combattimenti durati due ore, 11 jihadisti, apparentemente stranieri, sono stati uccisi nel villaggio di Mahmudia”, ha precisato Qadir. Nove dei miliziani dello Stato islamico sono stati colpiti dai curdi e due si sono fatti saltare in aria.


TAG: , ,

PER SAPERNE DI PIU'