Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis minaccia Vladimir Putin: “Porteremo Jihad in Russia”

MOSCA, 1 AGO – L’Isis minaccia la Russia e il presidente Vladimir Putin e chiede ai propri combattenti di portare la jihad in Russia. Lo riportano alcuni media. Nel filmato, la cui autenticità non è confermata, un uomo a viso coperto che guida un’auto nel deserto urla: “Ascolta Putin, verremo in Russia e vi uccideremo nelle vostre case. (…) Oh fratelli, conducete la jihad e uccideteli e combatteteli”. Il link del video potrebbe essere stato caricato su un account Telegram usato dai terroristi.

La notizia delle minacce Isis a Putin arriva nel giorno successivo al durissimo attacco di Hillary Clinton al leader russo. La candidata accusa Putin di essere dietro alla diffusione delle email riservate che hanno complicato, e non poco, i piani presidenziali di Hillary.

Hillary Clinton è sicura: “Sappiamo che i servizi di intelligence russi hanno violato il sistema informatico del Comitato nazionale democratico e sappiamo che hanno fatto in modo di far circolare quelle email”. La candidata democratica alla Casa Bianca punta direttamente il dito contro Mosca, in un’intervista a Fox News. E non manca di ricordare l’appello choc lanciato alcuni giorni fa dal suo rivale Donald Trump (“Spero che Mosca trovi le mail di Hillary”), definendolo “imbarazzante”.

“Sappiamo – ha infierito la Clinton – che Donald Trump ha mostrato una preoccupante tendenza a sostegno di Putin”. Oggetto del furto sono 19.250 email con ottomila allegati del Comitato – successivamente pubblicate da WikiLeaks – che dimostrerebbero favoritismi da parte dei vertici del comitato verso Hillary Clinton e ai danni di Bernie Sanders. Sull’intrusione sono in corso verifiche dell’Fbi e del dipartimento di Giustizia federale.