Blitz quotidiano
powered by aruba

Kamikaze torturato dalla polizia in Afghanistan

KABUL – La polizia afghana, in un video diffuso sui social media, tortura un giovane, un presunto “aspirante attentatore suicida”. Nel filmato compaiono uomini in divisa e uomini avvolti in abiti tradizionali. Il giovane, con le mani bloccate, viene legato con un pezzo di stoffa stretto attorno alle braccia a un pickup delle forze di sicurezza. 

Fallo strisciare e uccidilo“, dice – secondo l’agenzia di stampa Dpa – un uomo con indosso la divisa della polizia all’autista del mezzo mentre gli altri stanno a guardare. Il pickup trascina il giovane per una trentina di metri lungo una strada deserta e poi si ferma. Al giovane non vengono risparmiate botte e calci. Questo, secondo la Dpa che riporta informazioni del ministero dell’Interno di Kabul, è quello che avviene nel distretto di Panjwai, nella provincia di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan.

Il ministero dell’Interno di Kabul ha parlato di un incidente “collegato alla polizia” e, scrive la Dpa, ha chiesto alla polizia di Kandahar di fare luce su quanto avvenuto. “Soggetti non identificati hanno torturato un uomo che sarebbe stato un aspirante attentatore suicida”, affermano dal ministero.