Cronaca Mondo

Karachi (Pakistan), commercianti protetti da organizzazioni criminali contro i furti: paghi e..

Karachi (Pakistan), commercianti protetti da organizzazioni criminali contro i furti

Karachi (Pakistan), commercianti protetti da organizzazioni criminali contro i furti

KARACHI – A Karachi, l’estorsione è un aspetto della vita pubblica quotidiana. La città pakistana non riesce a liberarsi di questa vera e propria piaga.

A gestire il fenomeno è la Pre-Karachi Operation, un sistema organizzato sostenuto e, a volte, controllato da ponenti di influenti partiti politici. Alcuni criminali hanno costituito i loro veri e propri cartelli in diverse aree della città per fornire protezione contro il crimine di strada ed estorcere denaro allo stesso tempo.

A Karachi, le forze dell’ordine in gran parte non sono riuscite a contenere la minaccia dei reati di strada. Per questo motivo, i cartelli criminali sembrano sono diventati “generosi” e hanno introdotto un sistema di protezione che protegge dai furti. In alcune aree della città, in particolare Sultanabad, Keamari, Clifton, Kharadar, Mithadar e NellaFederal B Area, i commercianti e le aziende impegnate nella distribuzione hanno stipulato accordi con i criminali  per ottenere “protezione”.

Le aziende pagano una somma per ciascun veicolo impegnato nella distribuzione e a fronte di questo pagamento, lo staff di queste imprese, inclusi i conducenti, sono dotati di diverse parole in codice da riferire nel caso di una rapina. “In quel caso, nessuno può toccarti”, ha detto un funzionario di una società di distribuzione.  Nel caso in cui, nonostante la parola in codice, venga comunque portata a termine la rapina, la società può contattare il capo del cartello criminale della zona e avere indietro denaro e oggetti di valore, spiega il Tribune Express.

Secondo i commercianti, i capi criminali hanno fissato prezzi diversi per ogni veicolo, in base anche alle entrate dell’azienda di distribuzione, di cui la maggior sono state avvicinate dai criminali e stretto accordi di protezione. A causa del crescente numero di crimini di strada e delle rapine, i commercianti di Karachi hanno chiesto al governo di provvedere a nuove misure di sicurezza e la presenza permanente degli agenti.

“Da parte della polizia, non esiste alcuna politica chiara sul controllo dei crimini di strada e delle rapine, motivo per cui i commercianti sono costretti a ottenere protezione dai criminali”, ha affermato un commerciante.  Ma la polizia accusa i commercianti e le imprese e secondo  Shahla Qureshi, City SP, le forze dell’ordine non stanno fallendo, è che le persone “non si fidano della polizia ma dei criminali”. Ha anche affermato che nella procedura operativa standard, se una persona si sposta con più di 100mila rupie pakistane in contanti, devono chiedere protezione alle forze dell’ordine. “Ma non lo fanno. Chi sbaglia, dunque, i cittadini o la polizia?”, ha detto a The Express Tribune.

Qureshi ha affermato che nella maggior parte dei casi, i membri dello staff delle aziende, in particolare cassieri o contabili, sono coinvolti in casi di questo tipo e hanno rapporti con i criminali. “Recentemente, abbiamo anche risolto un caso in cui il cassiere di un’azienda di distribuzione privata ha dato 200mila rupie pakistane agli estorsori”, ha concluso.

Il modus operandi dei criminali punta verso i cartelli formati da piccoli ladri e criminali di strada in proprio. Se questo dovesse emergere come mafie che controllano la città, una sorta di malavita a lungo termine, continuerà a esserci purtroppo un problema.

To Top