Blitz quotidiano
powered by aruba

La figlia sopravvive al cancro, ma il papà la uccide: “Aveva troppe attenzioni”

NEW YORK – Un ragazzo di 25 anni, Ryan Lawrence, ha confessato di aver ucciso la figlioletta di 21 mesi nel febbraio scorso, a New York. La piccola Maddox era sopravvissuta a una rara forma di cancro agli occhi, ma lui, geloso per le attenzioni ricevute dalla piccola, l’ha uccisa colpendola con una mazza da baseball. Una storia assurda e drammatica.

Dalle indagini e dal processo è emerso che Ryan fosse geloso delle attenzioni che la piccola riceveva a causa della sua malattia. Come raccontano i giornali locali è stato lui stesso a raccontare di aver cercato di bruciare il corpicino per tre ore per poi decidere di gettarlo in acqua, nelle cascate di Cortland County. Poi ha ancorato il cadavere con dei blocchi di cemento. I sommozzatori sono riusciti a trovarlo 36 ore dopo.

Il procuratore distrettuale Bil Fitzpatrick ha dichiarato: “Senza entrare troppo nel dettaglio la confessione di Ryan Lawrence allude a un senso di gelosia per l’attenzione che questa bambina riceveva ogni giorno”. Ryan Lawrence potrebbe essere condannato a 25 anni di carcere.


PER SAPERNE DI PIU'