Cronaca Mondo

Libia, cugino Gheddafi: “Isis ha rubato armi chimiche”

Libia, cugino Gheddafi: "Isis hanno rubato armi chimiche"

Libia, cugino Gheddafi: “Isis hanno rubato armi chimiche”

ROMA – “Gli estremisti islamici, tra cui i militanti dello Stato islamico, hanno sequestrato armi chimiche nei depositi libici. Enormi quantità di Sarin, sono stati spostati dal sud al nord del Paese fino a Tripoli. I terroristi hanno già utilizzato il Sarin lo scorso anno, ma l’episodio è stato ignorato dalla comunità mondiale”. E’ quanto ha affermato al quotidiano arabo Asharq Al-Awsat, Ahmed Gaddaf al-Dam, cugino del defunto leader libico Muammar Gheddafi.

Per l’ex uomo forte di Gheddafi, che ora vive in esilio in Egitto, questa arma chimica “è stata usata per la prima volta nel 2014”.

“L’Occidente sa perfettamente che gli estremisti in Libia sono in possesso del gas sarin”, ha detto, e proprio “per il timore che i jihadisti facciano uso del gas nervino in attacchi terroristici in Europa” e, con iniziative come la conferenza di Roma sulla Libia, “cerca una legittimazione per intervenire militarmente nel Paese”.

Il sarin è un gas nervino della famiglia degli organofosfati classificato come arma chimica di distruzione di massa. Fu ottenuto per la prima volta alla fine del 1938 da scienziati tedeschi della IG Farben durante i tentativi di sviluppare sostanze ad azione biocida.

To Top