Blitz quotidiano
powered by aruba

Lorenzo Borella, morto in Malesia: fotografava tartarughe

FIRENZE – Un giovane biologo fiorentino, Lorenzo Borella, 27 anni, è morto durante un’immersione in Malesia. Laureato all’Università di Firenze nel 2014, Borella aveva deciso di frequentare un master di primo livello nelle Università di Parigi e Bruxelles, al quale partecipa anche l’Ateneo di Firenze: Tropimundo Erasmus Mundus Programme. Esperto subacqueo, sarebbe deceduto proprio durante un’immersione legata al progetto per il quale lavorava da quasi un anno e mezzo. I genitori, secondo quanto si apprende dall’Ansa, sono partiti lunedì mattina per la Malesia.

La notizia della morte di Lorenzo Borella è arrivata al coordinatore del Master dell’Ateneo fiorentino, il professor Giacomo Santini, direttamente dal coordinatore dell’Università di Bruxelles. “Lo avevo conosciuto a dicembre – spiega il professor Santini – durante una riunione dei partecipanti al Master. Lui era all’ultimo semestre ed era in Malesia per terminare la sua tesi sugli squali”. “Per quanto mi hanno spiegato, ma sono notizie di terza mano – conclude il professore – avrebbe avuto un malore e chi era con lui lo ha riportato subito in superficie ma non c’era più niente da fare”.

Gli amici sui social network adesso raccontano che Lorenzo è morto per inseguire un sogno. E lo ricordano in tutte le lingue del mondo, perché tra gli amici ci sono ricercatori e studenti universitari maltesi come Yannick, belgi come Adrian o Azie, biologa dell’Istituto oceanografico di Sekitaran. E ancora americani, inglesi, australiani, tedeschi, francesi. Tutti da domenica continuano a ricordare “quel capitano sul campo e capitano nella vita”, quel “biologo gran lottatore”, quel ragazzo insaziabile di vita e di scienza, “un grande che non ci doveva lasciare così”, “sei stata una persona magnifica, come poche lo sono. Addio Bore!”.


TAG: